I "ribelli" hanno fornito le informazioni a Israele per attaccare la Siria

I "ribelli" hanno fornito le informazioni a Israele per attaccare la Siria

I sedicenti 'ribelli' che da anni lottano contro l'esercito siriano hanno fornito informazioni vitali per le forze di guerra del regime di Israele, in modo che potessero attaccare le posizioni militari siriano, nonché di comunicare gli obiettivi colpiti.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Come sottolineato dal quotidiano israeliano, 'The Times of Israel', l'aviazione israeliana durante la sua ultima aggressione effettuata in Siria, è stato in grado di identificare alcuni dei bersagli e le strutture dell'esercito siriano con l'aiuto di gruppi armati dell'opposizione siriana, i sedicenti "ribelli".


 
Con il pretesto di una presunta violazione dello spazio aereo delle alture del Golan occupate da Israele, da parte di un drone proveniente dalla Siria, ieri, l'aviazione israeliana ha effettuato una serie di attacchi i contro le varie regioni del paese arabo , anche se hanno ricevuto una risposta dura dalla difesa antiaerea della Siria che ha abbattuto un F-16
 
Nell'articolo, tuttavia, si riconosce che un comandante dell'opposizione siriana ha fornito alle fonti israeliane la lista delle 12 installazioni militari siriane da bombardar agli aerei da combattento israeliano.
 
Tra gli obiettivi forniti dal comandante siriano "ribelle" c'erano diverse basi militari situate vicino a Damasco, e in alcune regioni della provincia centrale di Homs, aggiunge il quotidiano israeliano, sostenendo che molte erano iraniane.
 
Questi obiettivi da colpire hanno incluso anche un centro di comando mobile nel strategica base aerea militare T4, nei pressi della città siriana di Palmyra (al centro), che secondo il comandante "ribelle", è "temporaneamente" fuori uso a causa dei bombardamenti israeliani.
 
 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai