"Il 3 maggio 1808" di Francisco Goya – lo spirito dell'insurrezione contro il tiranno d'Europa

"Il 3 maggio 1808" di Francisco Goya – lo spirito dell'insurrezione contro il tiranno d'Europa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Nora Hoppe e Tariq Marzbaan

«Sento forte il desiderio di perpetuare, per mezzo dei miei pennelli,

le azioni e le scene più eroiche e notevoli

della nostra gloriosa insurrezione contro il tiranno d'Europa.»

Francisco Goya

Completato quando l'artista aveva 68 anni nel 1814, "Il 3 maggio 1808" rappresenta la resistenza delle truppe di guerriglia madrilene all'armata di Napoleone durante l'occupazione del 1808 della guerra d'indipendenza spagnola.

Francisco José de Goya y Lucientes era una volta anche un pittore della corte francese, ma verso la fine della sua vita il suo senso di ottimismo nel "progresso umano" attraverso l'Illuminismo e la rivoluzione francese sembra aver ceduto il passo alla disperazione, che può essere stata dovuta ad una combinazione di declino fisico (era diventato sordo dopo un grave malattia) e disillusione politica come risultato dell'occupazione della Spagna da parte dell'esercito napoleonico e la restaurazione della monarchia reazionaria dei Borboni al termine del conflitto.

I suoi "Pitture Nere" e le sue acqueforti "I disastri della Guerra" raffigurano vari episodi di barbarie, di crudeltà umana, che riflettono sia le sue pene personali che la sua indignazione per la sua testimonianza traumatica degli orrori della guerra imperiale.

L'incidente catturato nella pittura "Il 3 maggio 1808" ebbe luogo nel cortile di una cattedrale alle falde della montagna del principe Pio. Napoleone aveva già sottomesso la Spagna, e la casa reale di Madrid doveva ricevere ed eseguire i suoi ordini. Ma il 2 maggio 1808, centinaia di spagnoli si ribellarono e cercarono di impedire con la forza la partenza ordinata dai francesi. La situazione degenerò e ne seguì una battaglia impari e feroce con le truppe francesi. Il 3 maggio, questi combattenti per la libertà spagnola furono radunati e massacrati dai napoleonici. Il loro sangue scorreva abbondantemente per le strade di Madrid.

Goya presenta l'azione in quell'ambiente in una forma fortemente contrastante, che riflette anche lo squilibrio delle forze nella situazione reale: Da un lato, gli otto fanti omogenei dell'esercito francese, sono rivolti verso lo spettatore e formano un "muro" con i loro fucili, le giacche da soldati e lo sciaccò di feltro alto sulla testa; dall'altro lato le vittime, un gruppo eterogeneo e disperato, che attende impotente la sua esecuzione. Il critico d'arte del XX secolo Robert Hughes scrisse: "La maggior parte delle vittime ha un volto. Gli assassini no. Questo è uno degli aspetti più spesso notati del '3 maggio 1808', e giustamente: con questo quadro, nasce l'immagine moderna della guerra come uccisione anonima, e una lunga tradizione di uccisione come spettacolo nobilitato arriva alla sua fine in ritardo".

La figura centrale del quadro, che è palesemente un povero operaio, esprime attraverso la sua postura spinta in avanti un'audace baldanza e ha somiglianza con il Cristo crocifisso (si vede anche chiaramente una stigmate sulla mano destra). Non solo si sta sacrificando per il bene della sua nazione ma sta affermando con tutta la sua forza la sua umanità. I soldati napoleonici invece si fondono in una entità meccanica a più gambe senza volto, incapace di provare emozioni umane. Nulla impedirà loro di uccidere quest'uomo.

La lanterna che si trova tra il protagonista e il plotone d'esecuzione è l'unica fonte di luce nel dipinto, e illumina in modo abbagliante il corpo dell'eroe, immergendolo in una luce quasi spirituale. Per quel breve momento - prima che il martire si estingua. Mentre la vasta oscurità vuota dello sfondo sembra implicare che questo tipo di malvagità e brutalità non avrà mai fine.

Nonostante ciò, l'artista perpetua quell'ultimo istante di vita del martire e quella luce nelle tenebre. E questa ci sembra in definitiva una dichiarazione finale.

Riferimenti:

"Goya" – 2003 by Robert Hughes

https://www.goodreads.com/en/book/show/279351.Goya

The Spectacle of Skill: Selected Writings of Robert Hughes

By Robert Hughes

 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti