Il Brasile può liberarsi oggi dal fascismo con l'elezione di Lula al primo turno per la democrazia, i diritti sociali e la sovranità

Il Brasile può liberarsi oggi dal fascismo con l'elezione di Lula al primo turno per la democrazia, i diritti sociali e la sovranità

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di José Reinaldo Carvalho*

Oggi, 2 ottobre, potrebbe diventare una delle date più gloriose della storia del Brasile e delle lotte del popolo brasiliano. 

Tutto indica che oggi il Brasile può liberarsi dal fascismo con l'elezione di Lula al primo turno. Lo dimostra il sondaggio Ipec pubblicato sabato sera, che indica la vittoria di Lula al primo turno con il 51% dei voti validi. Questo è ciò che dicono le strade. È il grido che viene dal profondo del Brasile, dai grandi centri urbani, dai centri di lavoro, dalle scuole e dalle università, dalle campagne e dalle città. È l'opinione delle forze emergenti, vive e dinamiche della nazione, nella voce dei lavoratori, degli intellettuali, degli imprenditori, di una parte importante della comunità imprenditoriale nazionale, dei leader politici democratici di tutti i settori politici, tranne quello di estrema destra bolsonarista. È la volontà espressa del popolo brasiliano, manifestata attraverso l'ampio fronte democratico e l'unità patriottica e popolare. 

Da 3 anni e 9 mesi, da quando Jair Bolsonaro ha occupato il Palazzo del Planalto a seguito di elezioni atipiche che ha vinto perché al più grande leader popolare della storia del Brasile è stato impedito con la forza di candidarsi, si è sentita in diverse occasioni la richiesta di rimozione di colui che è diventato il peggior governante del Brasile di tutti i tempi. "Basta con Bolsonaro", "Fuori Bolsonaro", "Dimissioni", "Impeachment" e altre espressioni equivalenti sono state trasmesse intensamente, nelle manifestazioni, nelle sessioni parlamentari, nelle feste e in tutti i tipi di incontri popolari. La rimozione di Bolsonaro dalla Presidenza della Repubblica è diventata una questione di emergenza e di salvezza nazionale. È arrivato il momento di renderla reale. 

Rimuovere Bolsonaro dal potere è stata l'idea-forza dei movimenti democratici, il sentimento predominante nella popolazione, il fattore che per le vie più tortuose ha dato connessione, consistenza e forza a un ampio movimento di opposizione in Brasile. 

Tutto ciò che il popolo brasiliano desiderava e per cui ha lottato sin dall'insediamento di Bolsonaro era la fine di questi tempi tragici, la chiusura di questo ciclo di infelicità e sofferenza del popolo. 

Jair Bolsonaro si è superato in dichiarazioni e atteggiamenti che attaccano la democrazia, il buon senso, la giustizia, le aspirazioni e l'opinione della maggioranza della società. A capo del ramo esecutivo, ha cercato di diventare un tiranno a capo di un regime dittatoriale e fascista che ha cercato di instaurare per servire i propri interessi, quelli del suo clan e dei suoi associati. Con incessanti atti di tradimento nazionale, ha lavorato per sottomettere il Brasile agli interessi alieni e a quelli dell'estrema destra mondiale. 
L'occupante del Palácio do Planalto ha massacrato il popolo, privandolo dei suoi diritti, precedentemente garantiti dalle politiche pubbliche dei governi Lula e Dilma. Le sue azioni rovinose hanno portato la fame in milioni di case brasiliane. Ha attentato ai desideri e ai diritti democratici, alle conquiste sociali e ha messo a rischio la sopravvivenza della nazione e del popolo, sabotando l'acquisizione di vaccini contro il covid e opponendosi alle indispensabili misure preventive e di controllo di un'epidemia devastante che è diventata di fatto una tragedia nazionale.   

Bolsonaro ha offeso le istituzioni, la Costituzione, le leggi e il prestigio del Paese, al punto che persino personalità e forze politiche che hanno contribuito a preparare il percorso golpista che lo ha portato al potere si sono allontanate da lui e alla fine della campagna elettorale si sono unite all'opposizione. 
La lotta per estromettere Bolsonaro è stata possibile solo perché il popolo brasiliano poteva contare sulla leadership di Luís Inácio Lula da Silva, che alcuni avventurieri, capitolatori e opportunisti davano per politicamente morto. Tra il 2018 e il 2021 si sono sentite voci stridenti che proponevano una falsa terza via, che sarebbe stata l'asse di uno strano fronte rappresentante la "depolarizzazione" che avrebbe escluso proprio il suo fattore più dinamico. Per la gioia del popolo brasiliano e grazie alla sua lotta e alla perseveranza di Lula, che trae origine dalle sue profonde convinzioni e dalla sua determinazione a cambiare il Paese, il più grande leader popolare ha lasciato il carcere rinvigorito, ringiovanito e più che mai disposto a guidare il polo democratico, patriottico e popolare della società brasiliana. Senza questo fattore non sarebbe stato possibile realizzare l'ampio fronte che si è formato, perché un ampio fronte democratico può essere costruito solo sull'esistenza di un polo capace di agglutinare le forze. 

La vittoria democratica e popolare che si otterrà oggi, con il voto per Lula, sarà il frutto della sua capacità di interpretare i desideri del popolo brasiliano, di essere il portavoce delle sue richieste, il portatore delle sue speranze. Sarà anche il risultato di tutta la forza accumulata in una miriade di lotte e battaglie, della mobilitazione che non è mai cessata e dell'unione che sta finalmente prevalendo contro tutti i tentativi di divisione. Questa unione si traduce in un messaggio di speranza nel cambiamento, nell'attesa della realizzazione di un programma di governo essenzialmente democratico, sociale, popolare e patriottico, volto allo sviluppo nazionale in tutte le sue dimensioni e all'inserimento sovrano del Paese in un mondo tormentato e complesso.
La vittoria democratica di oggi sarà anche il frutto della grande unione delle forze democratiche, indipendentemente dall'appartenenza politica, dall'ideologia, dalla convinzione filosofica o dal credo religioso, un'unione che sarà la genesi di un governo di coalizione dedicato alla ricostruzione del Brasile e al riscatto del popolo brasiliano. 


In nome della democrazia, dei diritti sociali e della sovranità nazionale, il popolo vota oggi per Lula come Presidente del Brasile.


*José Reinaldo Carvalho è un giornalista, laureato in Politica e Relazioni Internazionali, autore di libri di politica internazionale di orientamento marxista-leninista. È membro del Comitato centrale e della Commissione politica nazionale del PCdoB, dove è attivo dal 1972, e segretario generale del Cebrapaz - Centro brasiliano di solidarietà con i popoli e di lotta per la pace. È stato vicepresidente del partito tra il 2001 e il 2005 e segretario per le Relazioni internazionali. Ha rappresentato il partito all'Incontro internazionale dei partiti comunisti e operai e al Forum di San Paolo. È redattore internazionale di Brasil 247 e TV 247 e membro effettivo del Consiglio deliberativo dell'ABI - Associazione Brasiliana della Stampa.

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Il Rubicone della NATO di Giuseppe Masala Il Rubicone della NATO

Il Rubicone della NATO

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti