Il Brasile sostiene che i BRICS offrano un "ambiente confortevole" per discutere la fine del conflitto in Ucraina

Il Brasile sostiene che i BRICS offrano un "ambiente confortevole" per discutere la fine del conflitto in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ministro degli Esteri brasiliano, Mauro Vieira, ha dichiarato che il gruppo BRICS (che comprende Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) può svolgere un ruolo chiave nei negoziati per porre fine al conflitto in Ucraina. 

In un'intervista al quotidiano Estadão, il diplomatico ha affermato che questo spazio può creare un "ambiente confortevole" per i colloqui di pace, difendendo al contempo la strategia lanciata dal Brasile la scorsa settimana, che mira a creare un gruppo di Paesi "non coinvolti" per forzare la cessazione delle ostilità.  

D'altra parte, il ministro degli Esteri brasiliano ha dichiarato al blog della giornalista Eliane Cantanhede che gli Stati Uniti e la Cina dovrebbero realizzare un riavvicinamento per "mettersi sulla stessa lunghezza d'onda", poiché "senza la Cina non c'è soluzione alla guerra in Ucraina".

Venerdì scorso, il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva ha dichiarato che è "urgente" convocare un gruppo di Paesi non coinvolti nel conflitto tra Russia e Ucraina per avviare i negoziati per riportare la pace in Europa. 

Giovedì 23 febbraio, il viceministro degli Esteri russo Mikhail Galuzin ha dichiarato all'agenzia di stampa TASS che Mosca sta valutando una proposta presentata dal Presidente del Brasile per la risoluzione del conflitto. Tuttavia, ha chiarito che le prospettive di una soluzione diplomatica alla crisi ucraina "oggi non sono evidenti".

"Prendiamo atto delle dichiarazioni del Presidente del Brasile sulla questione della possibile mediazione, per trovare modi politici per evitare un'escalation in Ucraina e per correggere gli errori di calcolo nel campo della sicurezza internazionale sulla base del multilateralismo e considerando gli interessi di tutti gli attori", ha affermato Galuzin.

Il viceministro ha poi aggiunto che il Cremlino sta "esaminando le iniziative, principalmente dal punto di vista della politica equilibrata del Brasile e, naturalmente, tenendo conto della situazione sul campo".

Il funzionario russo ha sottolineato che il punto di vista del Brasile è importante e ha descritto il Paese sudamericano come "un partner strategico" per la Russia, con cui Mosca sta interagendo "in modo costruttivo" nei Brics, nel G20, nelle Nazioni Unite e nel Consiglio di Sicurezza dell'ONU, dove Brasilia ha un seggio come membro non permanente, ha riferito l'agenzia di stampa Telam.

Galuzin ha anche detto che Mosca ha accolto con favore il rifiuto del governo di Lula di fornire munizioni all'Ucraina. Per il funzionario russo, "il Brasile rifiuta le misure coercitive unilaterali adottate dagli Stati Uniti e dai suoi satelliti contro il nostro Paese e si rifiuta di fornire armi, attrezzature militari e munizioni al regime di Kiev".

Alla fine di gennaio, Lula si è dichiarato favorevole alla creazione di un gruppo di mediazione per il conflitto in Ucraina. Ha avanzato la sua proposta telefonicamente al suo omologo francese, Emmanuel Macron, e di persona al cancelliere tedesco Olaf Scholz, che gli ha fatto visita a Brasilia.

Lula, in una conferenza stampa con Scholz, ha difeso la creazione di "un G20 per la guerra in Ucraina" con Cina, India e Indonesia come possibili membri.

Il presidente brasiliano ha inoltre condiviso la sua iniziativa il 10 febbraio a Washington con il suo omologo statunitense, Joe Biden. In quell'occasione, ha sollevato la necessità di trovare "partner in grado di costruire un gruppo di negoziatori che entrambe le parti possano comprendere e porre fine a questa guerra".

"Ho discusso con il presidente Biden quanto avevo già discusso con il presidente Macron e il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, sulla necessità di creare un gruppo di Paesi che non siano direttamente o indirettamente coinvolti nella guerra, in modo da trovare possibilità di giungere alla pace”. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti