Il Ciad vuole guidare la carica contro la Russia in Françafrique

Il Ciad vuole guidare la carica contro la Russia in Françafrique

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le accuse anti-russe del Ciad

Il ministro degli Esteri ciadiano Cherif Mahamat Zene citato da France24 ha messo in guardia circa l'influenza russa in Africa. Secondo il massimo diplomatico del paese centrafricano, l'oscuro gruppo mercenario Wagner che sarebbe collegato alla Russia (anche se il Cremlino lo nega) è responsabile della destabilizzazione del Ciad. Zene ha affermato che hanno addestrato i ribelli che hanno ucciso l'ex presidente di lunga data Idriss Deby all'inizio di quest'anno e di aver anche "sicuramente appoggiato" un attacco contro il suo paese che ha avuto origine dalla Repubblica Centrafricana (RCA) alla fine di maggio, dove le forze russe sono attualmente schierate in supporto del governo con approvazione UNSC.

Contesto di sfondo

Queste dure accuse arrivano sulla scia del timore della Francia sui negoziati del Mali per reclutare Wagner al fine di colmare il vuoto di sicurezza lasciato dall'improvviso ritiro del sostegno militare del paese dell'Europa occidentale al governo post-golpe. Il contesto più ampio è che la Russia ha recentemente compiuto notevoli incursioni in Africa e in particolare nelle regioni ex colonizzate dai francesi conosciute come "Françafrique" che Parigi considera la sua esclusiva "sfera di influenza". Il Ciad è una potenza militare regionale e tra i più stretti alleati africani della Francia, ecco perché ha deciso di guidare le accuse contro le incursioni della Russia in questa parte del continente.

Gli interessi egoistici del Ciad

Gli interessi di N'Djamena in questo senso sono del tutto egoistici. In primo luogo, spera che funzionare come la punta della lancia francese in “Françafrique” dissuaderà l'Occidente dal criticare la sua transizione politica che non ha soddisfatto le aspettative “democratiche” del paese. In secondo luogo, mira a ulteriori forme di assistenza militare, economica e di altro tipo francesi come ricompensa per aver spinto l'agenda di infowar regionale anti-russa del suo protettore. In terzo luogo, il Ciad si considera la principale forza militare nella regione e quindi teme che la sua influenza pertinente in altri paesi venga ridotta dalla Russia. E quarto, potrebbe essere preoccupato che la Russia sosterrà vari ribelli.

Sfatare la paura anti-russa

I primi due interessi sono comprensibili mentre i secondi due lo sono molto meno. Il Ciad rimarrà probabilmente sempre un partner importante per le forze armate dei paesi regionali, in particolare quelle del G5 Sahel guidato dalla Francia e composto dallo stesso Ciad, Mauritania, Mali, Burkina Faso e Niger. I cinque hanno lavorato a stretto contatto per contrastare le minacce terroristiche sotto la guida della Francia, anche se non sempre hanno avuto successo. Tuttavia, i loro militari hanno molta esperienza nel lavorare insieme alle loro controparti ciadiane, quindi è improbabile che li taglino completamente fuori in futuro, anche se alcuni di loro come il Mali iniziano gradualmente a fare meno affidamento su di loro.

Per quanto riguarda i sospetti che la Russia possa sostenere vari ribelli anti-governativi, non ci sono basi credibili per questo scenario. Secondo quanto riferito, Wagner opera nei vicini del Ciad, Repubblica Centrafricana e Libia. Nel primo paese N'Djamena esercitava un'influenza diretta e per procura fino agli ultimi anni, mentre la parte meridionale del secondo è sfuggita al suo controllo post-Gheddafi con la conocmitante ascesa di Haftar. In teoria alcune forze anti-governative in questi paesi avrebbero potuto essere addestrate da Wagner, ma né il gruppo né il suo presunto patrono russo l'avrebbero fatto con l'intento di un regime change.

Piuttosto, se si dimostrasse che tale addestramento è avvenuto, allora molto probabilmente è accaduto perché Wagner ha fornito questo tipo di assistenza a quelle forze sotto Haftar in Libia e il governo della Repubblica Centrafricana dalla parte dei gruppi anti-governativi che operano contro N'Djamena. Se così fosse, né Wagner né la Russia sarebbero responsabili di questo risultato, ma piuttosto coloro sotto i quali hanno operato in precedenza sarebbero da biasimare per non essere in grado di controllare le forze sotto il loro comando.

Interessi di Infowar

L'enfasi pubblica che il Ciad sta ponendo sulle sue preoccupazioni per la presunta destabilizzazione della Russia nella regione (un eufemismo per erodere l'influenza francese e ciadiana sostenuta dalla Francia in "Françafrique") e sostenere i ribelli anti-governativi ha lo scopo di aggiungere benzina alla continua infowar anti-russa in tutta l'Africa. Ha lo scopo di rendere la Russia e quei gruppi come Wagner che sarebbero collegati ad essa come attori irresponsabili che rappresentano una minaccia senza precedenti per i molti Stati fragili del continente e in particolare per la loro gente in gran parte impoverita. Questa narrativa usata come arma può quindi essere sfruttata per far sembrare la Francia migliore per contrasto.

La guerra ibrida alla Russia in Africa

Queste informazioni implicano che ci sono due livelli primari nella competizione franco-russa sempre più intensa in "Françafrique": l'esercito e l'informazione. Il primo è più significativo nel plasmare le realtà sul campo e riguarda la dipendenza dei vari paesi dall'assistenza francese e russa pertinente per soddisfare le loro esigenze di sicurezza. Il secondo, invece, riguarda la percezione del pubblico circa la legittimità e l'efficacia ultima del partner preferito del loro governo. Così com'è, la Francia è sulla difensiva in gran parte della "Françafrique" perché finora non è riuscita a soddisfare le aspettative di sicurezza dei suoi partner e dei suoi cittadini, il che ha quindi creato lo spazio per considerare la possibilità di contattare la Russia invece per necessità pragmatica.

Dopo aver anche solo riferito di aver pensato di farlo, la Francia e i suoi alleati come il Ciad entrano in azione spingendo pesanti accuse di infowar contro quei paesi nel disperato tentativo di dissuaderli dal cooperare con la Russia. Una cosa è che i governi e le persone della regione ascoltino queste affermazioni dal loro ex partner coloniale francese e un'altra che provengano da un paese africano come il Ciad, l'ultimo dei quali mira a migliorare la credibilità di queste narrazioni "localizzandole". Tuttavia, poiché N'Djamena è considerato tra i migliori delegati di Parigi nel continente, probabilmente non riuscirà ad aiutare il suo patrono a conquistare cuori e menti alla loro comune causa anti-russa e servirà solo ad attirare l'attenzione dei governi occidentali.

Ciò non è insignificante, dal momento che il ripetere a pappagallo del Ciad e preoccupazioni della Francia sull'impatto strategico della crescente influenza militare della Russia in "Françafrique" può quindi essere manipolato per convincere il pubblico europeo a sostenere qualsiasi delle prossime iniziative di Parigi nella regione. Ad esempio, la Francia prevede di multilateralizzare ulteriormente la sua precedente "Operazione Barkhane" coinvolgendo più dei suoi partner europei al fine di "condividere l'onere" della leadership militare regionale che ritiene necessaria per fermare l'immigrazione illegale. Se Parigi e N'Djamena possono inventare con successo la narrativa che Mosca potrebbe "armare" questo processo in loco come parte della sua "guerra ibrida" contro l'Occidente come sta presumibilmente facendo nell'Europa orientale, allora l'Occidente potrebbe sostenerli in Africa.

Semplificare la sequenza di guerra ibrida

La vera guerra ibrida non è ciò che l'Occidente afferma che la Russia presumibilmente sta facendo contro di loro in vari teatri, ma ciò che l'Occidente sta effettivamente realizzando contro la Russia nella regione. Cercano di mascherare le loro attività sovversive distraendo il pubblico con false affermazioni secondo cui Mosca sta facendo esattamente ciò di cui loro stessi sono effettivamente colpevoli. Nel contesto africano, la Francia e il suo alleato ciadiano stanno usando i mezzi della guerra dell'informazione per portare avanti l'obiettivo strategico di respingere le incursioni regionali della Russia al fine di reclamare la loro precedente influenza. Potrebbero persino espandere le loro attività al punto di armare gruppi ribelli per rovesciare i governi amici della Russia con il pretesto che sono cosiddetti "combattenti per la libertà" contro una "dittatura pro-Putin".

Multilateralizzazione della guerra ibrida

La Francia e il Ciad potrebbero avere difficoltà a farlo da soli, motivo per cui sperano di coinvolgere più paesi occidentali in questa guerra ibrida contro la Russia in Africa. Il primo passo è indurli a inviare più forze militari per contrastare quelle che affermano essere le attività destabilizzanti a livello regionale della Russia, che secondo il loro pretesto potrebbero contribuire a una maggiore immigrazione illegale in Europa come parte di un complotto segreto della "guerra ibrida" del Cremlino. Il prossimo passo è coinvolgerli in una “mission creep“ facendo in modo che alcune delle loro truppe contribuiscano all'addestramento delle forze regionali per procura per destabilizzare i governi amici della Russia. Infine, l'ultimo passo è intensificare le loro guerre ibride combinando, sanzioni, infowar e altri mezzi.

Pensieri conclusivi

È per questo motivo che la Russia e tutti i suoi partner in "Françafrique" dovrebbero essere seriamente preoccupati per ciò che ha detto il ministro degli Esteri ciadiano. Se N'Djamena decidesse di intensificare la guerra ibrida contro la Russia in Africa con il sostegno di Parigi, allora la regione più ampia sarà quasi certamente destabilizzata nel prossimo futuro a meno che i suoi paesi non riescano a rafforzare l'intera gamma delle loro capacità di "sicurezza democratica" (contro -Tattiche e strategie di guerra ibrida) con l'assistenza di Mosca (forse anche tramite Wagner). Questa previsione è di cattivo auspicio per l'Africa, ma lo scenario peggiore di più guerre ibride che scoppiano nella regione non è ancora inevitabile.

(Articolo pubblicato in inglese su One World)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta" di Giorgio Cremaschi Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti