/ Il grande errore dell'industria petrolifera statunitense

Il grande errore dell'industria petrolifera statunitense

 

Le società statunitensi perdono valore e investimenti in modo vertiginoso poiché uno "shock di scisto" minaccia il mercato petrolifero. Ed emerge come quella che una volta era l'industria più prospera degli Stati Uniti comincia a "zoppicare".

L'Agenzia internazionale dell'energia ha riferito che l'offerta globale di petrolio supererà la domanda di 900.000 milioni di barili al giorno nel 2020. Questo squilibrio potrebbe verificarsi dopo l'avvio di nuovi progetti in Brasile, Norvegia e Canada, che aumenteranno il boom dal petrolio di scisto negli Stati Uniti e farà pressione sull'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC).
 
Secondo l'Agenzia internazionale dell'energia, nell'aprile 2019 la produzione di petrolio negli Stati Uniti ha superato i 12,1 milioni di barili al giorno.
 
L'estrazione nel Bacino del Permiano è stata la principale fonte di reddito ricevuta dalle società statunitensi negli ultimi anni. Tra il 2011 e il 2019, la produzione di petrolio greggio in questa parte del mondo è quadruplicata dopo aver raggiunto un volume di quattro milioni di barili al giorno.
 
Nonostante questo aumento, l'industria nordamericana continua ad affrontare un grave problema legato alla carenza di investimenti.
 
La situazione, in dettaglio
 
Nel 2018, le spese sostenute dai produttori statunitensi di olio di scisto hanno superato le loro entrate. Tuttavia, i produttori statunitensi continuano a mettere l'estrazione di petrolio al di sopra del flusso di cassa e della restituzione agli investitori, riferisce la Reuters.
 
I dati della loro analisi hanno rivelato che pochi produttori hanno generato rendimenti solidi, anche quando il prezzo del greggio è aumentato del 28% nel 2018 a una media di $ 65,06 al barile. Per fare un confronto nel 2017, il petrolio costava circa $ 50,79.
 
Secondo i calcoli degli analisti, un investitore che aveva investito $ 100 nell'indice S&P 500 Oil & Gas Exploration & Production nel 2013 potrebbe ricevere solo $ 58,99 alla fine del 2018. Di seguito puoi vedere le somme che avrebbero potuto guadagnare un investitore dopo aver investito $ 100 in alcune società statunitensi nello stesso periodo.
 
  • Whiting Petroleum Corp. - $ 9
  • Apache Corp. - $ 33,51
  • Devon Energy Corp. - $ 38,88
 
Al contrario, gli investitori che hanno optato per l'indice S&P 500 - che comprende 500 maggiori società statunitensi - hanno aumentato le loro fortune a $ 150,33, confronta l'agenzia.
 
"È stato un momento critico [per i produttori].
Hanno perso la fiducia degli investitori", ha dichiarato Clark Williams-Derry, direttore di un dipartimento del think tank Sightline Institute.
 
"Epidemia di fallimenti"
 
Mentre i grandi gruppi aumentano le loro attività nel bacino del Permiano, le piccole e medie imprese hanno iniziato proprio lo sviluppo del settore della produzione di petrolio e gas di scisto.
 
"Le grandi società con forti saldi contabili e migliori rating del credito aumentano il capitale più facilmente, mentre gli investitori sono sempre meno disposti a investire le proprie risorse in attività svolte da piccole aziende che non sono in grado di generare flussi di cassa", secondo un articolo del quotidiano americano Financial Times.
 
Tuttavia, l'ondata di bancarotta ha colpito non solo i piccoli attori del mercato, ma anche quelli relativamente grandi. Nel maggio 2019, gli esploratori Halcon Resources e Alta Mesa Resources hanno sollevato domande sulla loro capacità di rimanere a galla. Nel frattempo, le obbligazioni della California Resources vendevano ad un rendimento "tipico dei cosiddetti titoli spazzatura". Cioè, 10 punti percentuali al di sopra del rendimento dei titoli del Tesoro USA.
 
La Federal Reserve Bank di Dallas ha osservato nel suo recente rapporto che "la riduzione della capitalizzazione di mercato è così elevata che toglie il respiro degli investitori".
 
"Le prospettive per la perforazione verticale sono morte", ha scritto un dirigente dell'industria americana in questo rapporto.
 
Di conseguenza, le aziende vengono vendute al prezzo più basso. Callon Petroleum ha riferito il 15 luglio scorso che avrebbe acquistato Carrizo Oil & Gas per un valore di $ 3,2 miliardi, incluso il debito stimato a $ 1.710 milioni. Attualmente, una quota di Carrizo Oil & Gas vale circa $ 13,12. Nell'agosto 2018, la società ha venduto ciascuna azione per circa $ 23.
 
La perforazione continua dei pozzi riduce le prestazioni. È possibile che l'industria americana possa rimanere bloccata nel prossimo futuro, ritengono diversi esperti.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa