/ Il gruppo di Lima: fuorilegge internazionali

Il gruppo di Lima: fuorilegge internazionali

 


di Christopher Black

Gli interventi segreti ed espliciti che si svolgono contro il Venezuela da parte degli Stati Uniti e dai loro alleati sono una forma di aggressione e una violazione dei principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite che rendono le nazioni coinvolte fuorilegge internazionali.

Il tentativo di colpo di stato contro il presidente Maduro del Venezuela può essere fallito finora, ma gli sciacalli che lo hanno istigato non hanno abbandonato l'obiettivo impedire alla maggioranza dei venezuelani di beneficiare della rivoluzione bolivariana iniziata dal presidente Chavez, per farli tornare alla miseria da cui la rivoluzione sta cercando di salvali. Gli Stati Uniti e i governi e i media alleati, lavorando con servizi di intelligence militari e civili americani, stanno pompando un flusso costante di propaganda sulla crisi del Venezuela, per ingannare e manipolare i propri popoli affinché sostengano l'aggressione e minaccino i venezuelani che sostengono la propria rivoluzione.

Abbiamo già visto questo tipo di propaganda, le false narrazioni sugli abusi dei "diritti umani", sulle condizioni economiche, sulla violazione della "democrazia", ??la propaganda su un leader "autoritario", "tiranno", "dittatore", tutte etichette che hanno hanno già usato contro i leader nazionali che hanno poi assassinato; Il Presidente Arbenz, Allende, Torrijos, Habyarimana, Milosevic, Hussein, Gheddafi sono esempi che vengono subito in mente, e di conseguenza le stesse minacce contro Maduro non sono solo propaganda, ma minacce fisiche dirette.

Ritroviamo gli stessi pretesti per l'uso dell'aggressione militare, l'impiego degli stessi eufemismi, le stesse grandi mobilitazioni per chiedere "l'intervento umanitario", che ormai sappiamo essere nient'altro che echi moderni dei pretesti di Hitler per l'invasione della Cecoslovacchia, per "salvare i tedeschi oppressi".

Vediamo le stesse bugie e la stessa ipocrisia sullo stato di diritto, mentre gli aggressori si vantano apertamente della propria violazione della legge internazionale e, ad ogni iniziativa,  parlano come se fossero Dei che governano il mondo.

Gli Stati Uniti sono gli attori principali, ma hanno al loro fianco, tra le altre nazioni di lacchè, forse il peggiore di tutti, il Canada, che è stato partner entusiasta del crimine degli Stati Uniti dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Non possiamo dimenticare il suo coinvolgimento nell'aggressione contro la Corea del Nord, l'Unione Sovietica, la Cina, il suo ruolo segreto nell'aggressione americana contro il Vietnam, contro Iraq, Ruanda, Jugoslavia, Afghanistan, Siria, Ucraina, Haiti, Iran e negli ultimi anni Venezuela.

Infatti, è proprio del Canada l'iniziativa di aggressione contro il Venezuela, che ospita il 4 febbraio un incontro a Ottawa di un gruppo di internazionali cospiratori di crimini di guerra, conosciuto come "Il gruppo di Lima", un gruppo di lacchè (dell'America Latina e dei Caraibi) degli Stati Uniti, tra cui il Messico e il Canada, che è stato istituito dagli USA durante una riunione a Lima, in Perù, l'8 agosto 2017 con l'esplicito scopo di rovesciare il presidente Maduro.

Chrystia Freeland, degli affari esteri del Canada, ha dichiarato di recente alla stampa che "il Canada ha bisogno di svolgere un ruolo di primo piano nel gruppo di Lima perché la crisi in Venezuela si sta dispiegando nel cortile globale del Canada. Questo è il nostro quartiere. Abbiamo un interesse diretto per ciò che accade nel nostro emisfero ".

"Nel cortile globale del Canada?" 
È sorprendente leggerlo. Il Canada considera il mondo come il suo cortile? Tale dichiarazione rivela un grave caso di megalomania e allo stesso tempo insulta il resto delle nazioni del mondo. L'affermazione che il Venezuela "è il nostro vicinato" è quasi un'adozione diretta della pretesa americana all'egemonia e all'interventismo nell'emisfero occidentale, come se il Canada si identificasse completamente con gli Stati Uniti e fosse fuso, in termini di politica estera, con loro.

Ma, così facendo, l'élite canadese si mostra nemica del progresso e della giustizia economica e sociale; dimostra di essere contro i diritti umani, di essere fuori dalla legalità.

Freeland sostiene che l'incontro del gruppo di Lima "affronterà la crisi politica ed economica in Venezuela", ma è il Canada che, insieme agli Stati Uniti, ha creato proprio la crisi usata come pretesto per attaccare il presidente Maduro. Sono loro che hanno cercato di rovesciare Maduro e Chavez attraverso complotti assassini, minacciato l'invasione militare e la guerra economica con l'unico scopo di sconvolgere la vita sociale ed economica del Venezuela, di rendere il tenore di vita più misero possibile, al fine di fomentare disordini e cospirando con forze reazionarie interne.

Il Gruppo di Lima ha iniziato il suo sporco lavoro nel 2017, pubblicando dichiarazioni che condannano la rivoluzione bolivariana, affermando che c'è stata una violazione dell'ordine pubblico in Venezuela, tentando di cancellare le elezioni appena tenutesi, che hanno dato al presidente Maduro una solida maggioranza del 68% di voti e che tutti gli osservatori delle elezioni internazionali hanno giudicato libere ed eque.

Dopo l'elezione di Maduro, tutte queste nazioni hanno ritirato i loro ambasciatori dal Venezuela, sostenendo di aver agito "nel pieno rispetto delle norme del diritto internazionale e del principio di non intervento", quando invece violano in modo evidente tutte le norme del diritto internazionale e il principio di non intervento. Stanno inoltre violando la Carta delle Nazioni Unite che proibisce a qualsiasi nazione o gruppo di nazioni di agire al di fuori del quadro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite contro qualsiasi altra nazione.

L'incontro di Ottawa è in realtà un incontro di cospiratori criminali intenzionati a commettere atti di aggressione, il crimine di guerra supremo contro una nazione e un popolo sovrani. L'intromissione è generalmente proibita dal diritto internazionale perché viola il concetto di sovranità statale indipendente. Tutte le nazioni hanno il diritto di governarsi come ritengono opportuno e nessuna nazione potrebbe legittimamente interferire nel governo di un altro. Dal momento che non può esservi alcun intervento senza l'uso o minaccia della forza, le azioni intraprese e le minacce contro il Venezuela costituiscono un crimine di aggressione secondo il diritto internazionale.

Stati Uniti e Canada stanno ora minacciando l'uso della forza armata contro il Venezuela. John Bolton ha dichiarato che tutte le opzioni sono sul tavolo e ha persino minacciato Maduro di essere incarcerato nelle camere di tortura degli Stati Uniti di Guantanamo. La Gran Bretagna ha sequestrato fondi venezuelani custoditi nelle banche di Londra, e gli Stati Uniti ei suoi lecchini stanno ora cercando di impedire al Venezuela di riappropriarsi dell'oro venezuelano, accusando Maduro (per aggiungere ulteriori falsità) di inviare l'oro all'Iran in violazione della loro "sanzioni" illegali.

L'ipocrisia è del tutto palese soprattutto considerando che alcune delle stesse nazioni della "Lima Gang" hanno riconosciuto fino al 1826 al Congresso di Panama l'assoluto divieto di intervento da parte degli stati negli affari interni dell'altra. Erano presenti gli stati di Colombia, America Centrale, Messico e Perù. Guidato da Simon Bolivar, il Congresso dichiarò la sua determinazione a mantenere "la sovranità e l'indipendenza di tutti e di tutti i poteri confederati dell'America contro la sudditanza straniera".

Alla settima conferenza internazionale degli Stati americani tenutasi a Montevideo nel 1933, la Convenzione sui diritti e doveri degli Stati, emanata al termine della conferenza, di cui gli Stati Uniti erano firmatari, dichiarò che "nessuno Stato ha il diritto di intervenire in gli affari interni o esterni di un altro. "La posizione legale della dottrina del non-intervento fu rafforzato tre anni dopo a Buenos Aires, con l'adozione del Protocollo addizionale relativo al non intervento. Questo documento dichiarava "inammissibile l'intervento di una qualsiasi delle parti del trattato, direttamente o indirettamente, e per qualsiasi ragione, negli affari interni o esterni di qualsiasi altra delle Parti." Il governo degli Stati Uniti accettò questo trattato senza riserve.

Le Nazioni Unite sono diventate la fonte primaria delle regole del comportamento internazionale dalla seconda guerra mondiale. Il principio di non intervento tra Stati è ovunque implicito nella Carta delle Nazioni Unite. L'articolo 1 della Carta delle Nazioni Unite stabilisce i quattro obiettivi dell'organizzazione, uno dei quali è "mantenere la pace e la sicurezza internazionali", un compito che include la soppressione delle "minacce alla pace", di "atti di aggressione" e "altre violazioni della pace ". Un altro è "sviluppare relazioni amichevoli tra le nazioni basate sul rispetto del principio di uguali diritti e autodeterminazione delle persone ". L'articolo 2 (1) prosegue basando l'organizzazione sul "principio sovrano" di uguaglianza di tutti i suoi membri.

L'articolo 2, paragrafo 4, afferma:

"Tutti i Membri dovranno astenersi nelle loro relazioni internazionali dalla minaccia o dall'uso della forza contro l'integrità territoriale o l'indipendenza politica di qualsiasi Stato, o in qualsiasi modo incompatibile con gli Obiettivi delle Nazioni Unite".

Pertanto, l'articolo 2, paragrafo 4, vieta l'uso delle pressioni economiche e politiche e la sovversione indiretta che è parte integrante dell'azione segreta.

L'azione segreta è vietata dalla legge delle Nazioni Unite ed è supportata dalle numerose risoluzioni approvate dall'Assemblea Generale, che affermano il diritto alla sovranità nazionale e il principio di non intervento in generale, mentre condanna specificatamente le tattiche particolari utilizzate nell'azione segreta.

A rischio di stancare il lettore, penso che valga la pena ribadire ciò che l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha affermato a partire dalla Risoluzione 290 (iv) del 1949.
Indicato come "Elementi essenziali della pace"

Essa invitava ogni nazione a  "astenersi da qualsiasi minaccia o atto, diretto o indiretto, volto a compromettere la libertà, l'indipendenza o l'integrità di qualsiasi Stato, o a fomentare il conflitto civile e sovvertire la volontà della gente in qualsiasi stato".

La risoluzione 1236 (XII) approvata nel 1957, dichiarò che "le relazioni pacifiche e tolleranti tra gli Stati" dovrebbero essere basate sul "rispetto reciproco della sovranità, uguaglianza e integrità territoriale e non interferenza negli affari interni degli altri".

La prima risoluzione dell'Assemblea Generale che proibiva specificamente azioni segrete era la Risoluzione 213 1 (XX). Intitolata "Dichiarazione sull'irricevibilità dell'intervento negli affari interni degli Stati e la protezione della loro indipendenza e sovranità", questa risoluzione si basava su proposte fatte dall'Unione Sovietica, diciannove Stati latinoamericani e la Repubblica araba unita, la cui bozza di risoluzione è stata co-sponsorizzata da altri 26 paesi non allineati. La dichiarazione ribadiva gli scopi e le finalità delle Nazioni Unite e sottolineava l'importanza di riconoscere la sovranità dello Stato e la libertà all'autodeterminazione nell'attuale atmosfera politica. L'ottavo paragrafo del preambolo della risoluzione affermava che "l'intervento diretto, la sovversione e tutte le forme di intervento indiretto sono contrarie" ai principi dell'ONU e, di conseguenza, "costituisce una violazione della Carta delle Nazioni Unite". La parte operativa della dichiarazione è composta da otto paragrafi, il primo dei quali chiarisce che non ci può essere "intervento di diritto":

“1. Nessuno Stato ha il diritto di intervenire, direttamente o indirettamente, per qualsiasi ragione, negli affari interni o esterni di qualsiasi altro Stato. Di conseguenza, l'intervento armato e tutte le altre forme di interferenza o tentate minacce contro la personalità dello Stato o contro i suoi elementi politici, economici e culturali, sono condannati ".

In un altro paragrafo la risoluzione ha definito con precisione la portata del suo divieto di intervento, dimostrando lo status illecito delle attività segrete:

“2. Nessuno Stato può utilizzare o incoraggiare l'uso di misure economiche, politiche o di altro genere per costringere un altro Stato al fine di ottenere da esso la subordinazione dell'esercizio dei suoi diritti sovrani o di garantirgli vantaggi di qualsiasi tipo. Inoltre, nessuno Stato organizza, assiste, fomenta, finanzia, incita o tollera attività sovversive, terroristiche o armate dirette contro il rovesciamento violento del regime di un altro Stato, o interferisce in conflitti civili in un altro Stato ".

La risoluzione 2225 (XXI) riaffermò i principi e le regole espressi nella risoluzione 2131 (XX) e sollecitò "l'immediata cessazione dell'intervento, in qualsiasi forma, negli affari interni o esterni degli Stati", e condannò "tutte le forme di intervento. . . come una fonte fondamentale di pericolo per la causa della pace mondiale ".

Infine, la risoluzione invitava tutti gli stati a "astenersi dall'intervento armato o dalla promozione o dall'organizzazione di sovversioni, terrorismo o altre forme indirette di intervento allo scopo di cambiare con violenza il sistema esistente in un altro Stato o di interferire in conflitti civili in un altro Stato."

Con la risoluzione 2625 (XXV), l'Assemblea Generale ha adottato la "Dichiarazione sui principi del diritto internazionale concernente le relazioni amichevoli e la cooperazione tra gli Stati in conformità con la Carta delle Nazioni Unite". La Dichiarazione ha avuto le sue origini con la prima riunione del Comitato speciale sui principi di diritto internazionale tenuto nel 1964 a Città del Messico. Questo documento ha affermato sette principi di base del diritto internazionale, quindi ha elaborato il modo in cui questi principi dovevano essere realizzati. I sette principi contenuti nella Dichiarazione erano: 
a) il principio che vieta la minaccia o l'uso della forza nelle relazioni internazionali, b) il principio che richiede la risoluzione pacifica delle controversie; c) il dovere di non intervento; d) il dovere degli Stati di cooperare tra loro; e) il principio di uguali diritti e autodeterminazione di tutte le persone; f) il principio dell'uguaglianza sovrana degli stati; e g) l'obbligo di buona fede degli stati di adempiere ai loro obblighi ai sensi della Carta.

Nella sua discussione sul primo principio - che gli stati si astengono dalla minaccia o dall'uso della forza - la Dichiarazione enfatizza il dovere di ogni stato "di astenersi dall'organizzare o incoraggiare l'organizzazione di forze irregolari o bande armate, inclusi mercenari, per incursioni nel territorio di un altro stato. "Inoltre, la Dichiarazione insiste sul fatto che ogni Stato ha il dovere di  "astenersi dall'organizzare, istigare, assistere o partecipare ad atti di guerra civile o atti terroristici in un altro Stato o consentire che tali atti siano gestiti dalla propria territorio."

Posso continuare a elencare altre risoluzioni delle Nazioni Unite che affermano lo stesso principio di non intervento come massima centrale del diritto internazionale.

La risoluzione 34/103 riguardava l'inammissibilità della politica di "egemonismo" nelle relazioni internazionali e definiva tale termine come la "manifestazione della politica di uno Stato, o un gruppo di Stati, per controllare, dominare e soggiogare, politicamente, economicamente, ideologicamente o militarmente, altri Stati, popoli o regioni del mondo". La risoluzione, tra l'altro, invitava gli Stati a osservare i principi della Carta e il principio di non intervento. Con questa risoluzione fu dichiarato che l'Assemblea Generale "condanna risolutamente le politiche di pressione e uso o minaccia di uso della forza, l'aggressione diretta o indiretta, l'occupazione e la crescente pratica di interferenze e interventi, palesi o segreti, negli affari interni di stati."'

Nel 1981, la "Dichiarazione sull'irricevibilità dell'intervento e dell'interferenza negli affari interni degli Stati" è stata adottata dall'Assemblea generale con la risoluzione 36/103. 
Uno dei doveri imposti agli stati dalla Dichiarazione era: "Il dovere di uno Stato di astenersi dall'intervento armato, dalla sovversione, dall'occupazione militare o da qualsiasi altra forma di intervento e interferenza, palese o segreta, diretta verso un altro Stato o gruppo di Stati, o qualsiasi atto di interferenza militare, politica o economica negli affari interni di un altro Stato, compresi atti di rappresaglia che implicano l'uso della forza. " Inoltre, la Dichiarazione ha invitato gli Stati ad astenersi da qualsiasi azione che cerchi di perturbare l'unità o di indebolire o sovvertire l'ordine politico di altri Stati, addestrando e attrezzando mercenari o bande armate, propaganda ostile.
È proprio questo il punto: la legge. 
Il mondo può vedere che la Lima Gang, che ama usare la frase "stato di diritto" nei loro diktat per gli altri, sta commettendo gravi crimini secondo il diritto internazionale e insieme tutti questi crimini sono componenti del crimine di guerra supremo dell'aggressione. Il gruppo di Lima è quindi un gruppo di cospiratori criminali internazionali e ogni individuo coinvolto è un criminale di guerra. Sono criminali i cospiratori di Lima che pubblicano la loro dichiarazione alla stampa dopo la riunione di Ottawa, in cui pianificano l'aggressione contro il Venezuela, invocano il rovesciamento del presidente Maduro, utilizzando il solito linguaggio dell'aggressore.

Traduzione di Agata Iacono

Christopher Black è un avvocato penalista internazionale con sede a Toronto. È noto per una serie di casi di crimini di guerra di alto profilo e recentemente ha pubblicato il suo romanzo " Beneath the Clouds . Scrive saggi su diritto internazionale, politica ed eventi mondiali, in particolare per la rivista online  "New Eastern Outlook".
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa