Il Guatemala svolta a sinistra? Risultati sorprendenti dalle urne

Il Guatemala svolta a sinistra? Risultati sorprendenti dalle urne

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il deputato progressista Bernardo Arévalo è diventato la sorpresa delle elezioni presidenziali in Guatemala, riuscendo ad arrivare al ballottaggio contro ogni previsione. Al prossimo turno affronterà l'ex first lady Sandra Torres.

Torres ha ottenuto il 15,78% dei voti, seguito da Arévalo, che ha ottenuto l'11,8%, tra 22 candidati e un numero di voti nulli superiore al 17%. 

I sondaggi indicavano che Arevalo e il suo gruppo, Semilla, nato dalla lotta alla corruzione in Guatemala nel 2015, sarebbero arrivati al settimo o all'ottavo posto, ma il sostegno ottenuto nelle aree urbane è stato fondamentale per raggiungere l ballottaggio. Il vincitore del ballottaggio del 20 agosto sostituirà il presidente di destra Alejandro Giammattei, che giunge alla fine del suo mandato con un indice di disapprovazione del 76%, secondo ProDatos. 

Una svolta a sinistra?

"La nostra profonda e totale gratitudine alle persone che ci hanno dato il loro voto di fiducia. Grazie per il vostro coraggio e per esservi fatti avanti", ha dichiarato Arévalo, figlio del presidente riformista Juan José Arévalo (1945-1951). "Non siamo qui per vincere i sondaggi. Siamo qui per vincere le elezioni. Stiamo facendo bene", ha aggiunto il sociologo 64enne. 

Torres, da parte sua, si è dichiarata sicura di vincere al secondo turno, anche se ha perso i ballottaggi del 2015 e del 2019. "Contro chiunque vinceremo, siamo avanti con oltre il 15% in questo momento", ha detto la 67enne ex first lady. "Siamo pronti, preparati e desiderosi di vincere", ha dichiarato la candidata di Unità Nazionale della Speranza (UNE).

Chiunque vinca il secondo turno segnerà un cambiamento ideologico nel Paese dopo tre presidenti di destra: Otto Pérez (2012-2015), Jimmy Morales (2016-2020) e Giammattei, che lascerà il suo incarico nel gennaio 2024. Tuttavia, il partito Vamos di Giammattei sarebbe il partito di maggioranza nel Congresso di 160 seggi, conquistando 40 deputati, secondo una proiezione del quotidiano Prensa Libre. Il partito di Torres avrebbe 27 deputati e quello di Arévalo 24.

Uno dei principali protagonisti della giornata elettorale è stato il voto nullo: il 17,39% della popolazione ha annullato il proprio voto, una cifra superiore al numero di schede votate per qualsiasi candidato. Il numero è anche quattro volte superiore a quello del 2019 e riflette il disinteresse e la sfiducia nel processo elettorale.

I sondaggi diffusi nelle ultime settimane e giorni prevedevano una lotta per il secondo posto tra l'ex diplomatico Edmond Mulet e la figlia del dittatore golpista Efraín Ríos Montt, Zury Ríos Sosa. Tuttavia, Ríos Sosa e Mulet sono rispettivamente al quarto e quinto posto, con il 7,84 e il 7,28% dei voti. L'affluenza alle urne ha raggiunto il 60% in un Paese in cui il voto non è obbligatorio.

Nessuno dei sondaggi diffusi durante la campagna elettorale dava Bernardo Arévalo, noto come "zio Bernie" nella politica guatemalteca per la sua somiglianza con il politico statunitense Bernie Sanders, come secondo classificato. Sulle sue spalle poggia l'eredità del padre Juan José Arévalo Bermejo, che divenne il primo presidente democratico dopo decenni di dittatura e pose fine ai 13 anni di governo del caudillo Jorge Ubico, un ammiratore di Hitler che sottopose i Maya ai lavori forzati.

Arévalo è nato a Montevideo, in Uruguay, nel 1958 a causa dell'esilio del padre in Sud America e in Francia dopo che Jacobo Árbenz era stato rovesciato nel 1954 da un'invasione guidata dagli Stati Uniti. Durante la campagna elettorale come candidato del movimento Semilla, ha promesso di seguire le orme del padre per migliorare l'istruzione, ridurre la violenza e ridurre la povertà che colpisce il 59% dei 17,6 milioni di abitanti del Guatemala.

La sua rivale Sandra Torres è l'ex moglie del defunto presidente socialdemocratico Álvaro Colom (2008-2012), che ha appoggiato la CICIG, un organismo sostenuto dalle Nazioni Unite che ha operato come una procura parallela e ha portato alla luce importanti casi di corruzione tra il 2007 e il 2019.

Laureata in comunicazione e imprenditrice tessile, nel 2002 ha divorziato dal primo marito, da cui ha avuto quattro figli, prima di aderire all'Unità Nazionale della Speranza (UNE), il partito socialdemocratico che ha portato Colom al potere e che attualmente guida. 

Torres è stata arrestata nel 2019 per presunti finanziamenti irregolari all'UNE, ma il caso è stato chiuso nel 2022. "Ricordate che noi donne siamo buone amministratrici. Tiriamo fuori i soldi per arrivare a fine mese a casa e io li tirerò fuori per arrivare a fine mese al governo", ha dichiarato la 67enne ex first lady.

La protesta

Il Tribunale Supremo Elettorale ha annunciato lunedì in una conferenza stampa che le tendenze erano definitive, anche se i risultati saranno resi ufficiali solo martedì. Il voto di ballottaggio si svolgerà il 20 agosto in un clima di incertezza, poiché per ora non è possibile individuare un chiaro favorito.

Il vincitore del secondo turno riceverà la fascia presidenziale il 14 gennaio da Alejandro Giammattei, che come abbiamo visto ha un decisamente basso indice di popolarità, ed è stato coinvolto in numerosi scandali durante il suo mandato.

I guatemaltechi hanno mostrato tutta la loro stanchezza, quasi un esaurimento, nei confronti di un sistema politico che non è riuscito a migliorare le condizioni di vita della popolazione, che continua ad avere alti livelli di povertà e che ha generato leadership autoritarie segnate dalla corruzione.

Per questo motivo, migliaia di cittadini hanno deciso di barrare le loro schede elettorali con le parole "nullo", "ladro", "corrotto" e altri insulti, come modo per dimostrare la loro sfiducia.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti