/ Il leader dell'opposizione siriana chiede la normalizzazione dell...

Il leader dell'opposizione siriana chiede la normalizzazione delle relazioni con Israele

 

Che la sedicente opposizione siriana avesse simpatie per Israele non č un fatto nuovo, basta pensare agli appoggi militari e logistici di Tel Aviv ai gruppi armati che si opponevano a Damasco in questi anni di guerra. Ora č giunta una nuova dichiarazione ad opera di Fahad Almasri, leader 'Fronte di salvezza nazionale in Siria'.


Il leader del 'Fronte di salvezza nazionale in Siria' (NSF), Fahad Almasri, ha dichiarato a The Media Line che è interessato ad aprire canali diplomatici e, eventualmente, normalizzare le relazioni con Israele.
 
Almasri, un ex portavoce dell'esercito libero siriano (FSA), ha spiegato che avrebbe il coraggio di aprire colloqui con Israele. "Abbiamo il coraggio e la visione politica aperta. La ragione è: il ... cambiamento che si è verificato nella società siriana. [Questo cambiamento] ha portato alla rivalutazione di tutti i concetti e valori e alla caduta degli slogan.
 
Il leader dell'opposizione, dalla Francia dove risiede, ha affermato che è importante riconoscere Israele come attore regionale e aprire il dialogo con loro. "Dobbiamo riconoscere che Israele è un importante stato regionale, un fatto che esiste se riconosciuto da partiti regionali e arabi o meno. Israele è uno stato riconosciuto a livello internazionale ed è supportato da tutte le nazioni del mondo", ha precisato a The Media Line.
 
Riguardo alla causa palestinese, afferma che la situazione è ad una svolta, con la leadership palestinese in cerca di negoziati con Israele.
 
"Dopo tutta la distruzione che è accaduta in Siria, il problema del popolo siriano è la questione palestinese, soprattutto da quando gli stessi palestinesi hanno avviato negoziati con lo stato israeliano? Il problema palestinese è ad un altro punto di svolta", secondo Almasri. "Di conseguenza, il popolo siriano ha pagato più di 80 anni di sostentamento, sicurezza, stabilità e vita politica, che era assente a causa degli slogan e della trattamento delle sofferenze del popolo palestinese".
 
In precedenza Almasri ha invitato Israele a distruggere le forze di Hezbollah all'interno della Siria, applaudendo i numerosi attacchi del regime israeliano contro il gruppo libanese.
 
"Ci deve essere un coordinamento tra noi e l'esercito israeliano affinché ci sia movimento sul terreno con le fazioni [dell'opposizione] siriana con copertura aerea franco-americano-britannica per annientare la presenza militare iraniana, palestinese e irachena sul territorio della Siria. Per questo, accogliamo con favore la formazione di un comitato israelo-siriano di coordinamento e cooperazione per la sicurezza che è diventato necessario in questa fase" aveva aggiunto.
 
Fonte: The Media line
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa