Il piano di Trump per sconfiggere l'ISIS: un'altra invasione statunitense?

Il piano di Trump per sconfiggere l'ISIS: un'altra invasione statunitense?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Poco più di una settimana nell'Amministrazione Trump, il Presidente ha emesso un ordine esecutivo dando al Segretario alla Difesa James Mattis 30 giorni per elaborare un piano per sconfiggere l'ISIS. Secondo l'Ordine, il piano dovrebbe formulare raccomandazioni su azioni militari, azioni diplomatiche, i partner, le strategie e come pagare l'operazione.

Mentre ci avviciniamo al termine sembra che i militari si stiano preparando a presentare a Trump un piano per fare molto di più di quello che abbiamo fatto e si aspettano risultati diversi in qualche modo. Dimostrando il vecchio detto che quando tutto quello che hai è un martello tutto sembra un chiodo, sentiamo di sempre più rapporti dei militari che consigliano di inviare migliaia di soldati Usa in Siria e Iraq, avvert Ron Paul dal sito online sel suo Istituto per la pace e la prosperità.

Questa sarebbe una escalation significativa in entrambi i paesi, mentre ci sono circa 5.000 soldati Usa che ancora stanno combattendo una guerra di 13 anni in Iraq, e circa 500 soldati delle forze speciali che operano in Siria.

L'attuale cessate il fuoco in Siria, con la mediazione senza il coinvolgimento degli Stati Uniti alla fine del 2016, sta producendo risultati positivi e i gruppi contrapposti si parlano sotto il patrocinio russo e iraniano. C'è qualcuno che pensa che l'invio di migliaia di soldati Usa in una situazione che è già in via di risoluzione senza gli Usa sia una buona idea?

Nel linguaggio che ricorda i suoi piani per costruire un muro sul confine con il Messico, il presidente ha detto ad una manifestazione politica in Florida durante il fine settimana che vuole creare "zone sicure" in Siria e che a pagare saranno gli Stati del Golfo. Ci sono diversi problemi con questo piano.

In primo luogo, ogni "zona di sicurezza", istituita all'interno della Siria, in particolare se protetta dalle truppe americane, equivarrebbe a una massiccia invasione statunitense del paese a meno che il governo di Assad non le approvi. Secondo il presidente Trump vuole iniziare la sua presidenza con una invasione illegale di un paese sovrano?
 
In secondo luogo, c'è il piccolo problema dei russi, che sono partner del governo di Assad nei suoi sforzi per liberare il paese dall' ISIS e al-Qaeda. L'ISIS sta già perdendo territorio su base giornaliera. Il Presidente Trump è disposto a rischiare un'escalation militare con la Russia per proteggere le forze per un cambio di regime in Siria?
 
In terzo luogo, gli Stati del Golfo sono i principali sostenitori di al-Qaeda e ISIS in Siria - come Michael Flynn, orami ex Consigliere per la sicurezza Nazionale, ha rivelato in una intervista del 2015. A meno che queste zone di sicurezza siano istituitei per mantenere al-Qaeda e ISIS al sicuro, non ha alcun senso coinvolgere gli Stati del Golfo.

Molti diranno che non dovremmo essere sorpresi da queste ultime mosse. Come candidato, Trump ha promesso di sconfiggere l'ISIS una volta per tutte. Tuttavia, qualcuno crede davvero che continuando la stessa strategia che abbiamo seguito negli ultimi 16 anni produrrà risultati diversi, questa volta?  

Washington non sa gestire la verità: la soluzione del problema ISIS è una riduzione delle attività  militari degli Stati Uniti in Medio Oriente, non un loro aumento. Se non si comprende questo punto,continueremo a sprecare migliaia di miliardi di dollari e innumerevoli vite in uno sforzo inutile.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti