Il Portogallo il Mes lo ha usato... e i suoi salari sono crollati

Il Portogallo il Mes lo ha usato... e i suoi salari sono crollati

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Gilberto Trombetta
 


Sta girando molto un post facebook di tal Emilio Mola che, secondo l’autore a memoria non un premio Nobel all'economia, smonterebbe le tesi di tutti coloro - compreso Munchau del FT, Fitoussi, Varoufakis e altre decine e decine di accademici internazionali che sull'argomento si sono espressi in una lettera a Micromega - che sostengono che il ricorso al MES non andrebbe neanche preso in considerazione.


 

Per farlo, utilizza come esempio virtuoso 3 Paesi che al MES sono stati costretti a ricorrere. Cioè Spagna, Portogallo e Irlanda.


Non si tratta di un’operazione nuova. Il duo comico Alesina e Giavazzi, dalle prestigiose pagine del Corriere, ha spesso provato a portare questi 3 Paesi come esempi di successo della loro così cara “austerità espansiva”. Fallendo miseramente davanti alla realtà dei dati.


Perché il trucco di queste persone è sempre lo stesso: selezionare solo quella minima parte di dati che, avulsi dal contesto e scorrelati dagli altri indicatori, sembrerebbero confermare le lore “tesi”.


Si tratta però della solita propaganda slegata dai fatti. Condita con un po’ di cherry picking.


Partiamo da un fatto incontestabile: di austerità quei 3 Paesi, a differenza dell’Italia, non ne hanno mai fatta.


Basta guardare il rapporto deficit/PIL degli ultimi anni (tabella 1¹).


L’Irlanda dal 2008 al 2019 ha realizzato un rapporto deficit/PIL in media del 7,2% (86,5% in totale). La Spagna del 6,38% (totale 75,6%). Il Portogallo del 5,05% (totale 60,6%).


E infatti il rapporto debito/PIL di questi Paesi è cresciuto, in termini percentuali, molto di più di quello dell’Italia che è anzi il Paese che più di tutti si è attenuto alle folli regole europee (tabella 2²).


Il rapporto debito/PIL del Portogallo è passato dal 55,3% del 1992 al 121,5% del 2018 (+119,7%), Quello della Spagna dal 45,4% al 97,1% (+113,8%).


Vediamo però qualche altro dettaglio su questi 3 supposti campioni dell’austerità espansiva. Cioè vediamo quali sono stati gli effetti del MES nonostante la spesa pubblica effettuata.


Secondo un report pubblicato da Lisdata (grafico 1³), in Spagna dopo 10 anni dallo scoppio della crisi, il reddito mediano reale è lo stesso del 2007, quello delle fasce di reddito sottostanti è invece crollato spaventosamente in
termini reali, mentre il reddito dell'1% superiore è ovviamente cresciuto (+ 21%).


Anche il Portogallo ha registrato un taglio evidente dei salari reali, registrando un -8,3% tra il 2010 e il 2017 (grafico 2?).





La Spagna ha registrato un calo della produzione industriale del 21% rispetto ai livelli pre-crisi, il Portogallo del 14% (grafico 3?).





Questo nonostante il rapporto deficit/PIL di Portogallo e Spagna, come abbiamo visto in precedenza, non sia stato negli ultimi anni neanche lontanamente paragonabile a quello dell’Italia.


La Spagna è oggi il terzo Paese europeo per tasso di disoccupazione (13,6%). Così come per quanto riguarda la disoccupazione giovanile che è del 30,9%. Anche il Portogallo, nonostante il costane calo recente, ha un tasso di disoccupazione giovanile che supera di poco il 20%, Cioè un giovane su 5 non ha lavoro?. Per non parlare di quelli costretti a lasciare il Paese per mancanza di salari dignitosi.


Sull’Irlanda, poi, varrebbe la pena sempre di ricordare che - a parte il paragone inopportuno con l’Italia per dimensione, popolazione e tipologia di economia - si sta parlando di uno dei tanti paradisi fiscali presenti in Europa (il continente, insieme al Sud America, che ne conta di più).


Cioè esattamente come l’Olanda, l’Irlanda sottrae risorse agli altri Paesi della UE attraverso il dumping fiscale. Un danno, per l’Italia di circa 7,6 miliardi di euro ogni anno, il 19% del proprio gettito fiscale sui profitti aziendali.


FONTI


¹ tabella tratta da “L’economia spiegata facile” di Costantino Rover su dati della commissione europea https://ec.europa.eu/…/autumn-2018-economic-forecast-sustai…
² tabella elaborata da me su dati Eurostat e OECD. Per alcuni Paesi sono stati usati altri database per reperire i dati degli anni tra il 1992 e il 1994: https://ec.europa.eu/eurostat/tgm/table.do…
https://www.ceicdata.com
https://countryeconomy.com
³ grafico via https://twitter.com/BrankoMilan/status/1142531921999777792
https://www.etui.org/…/Boo…/Benchmarking-Working-Europe-2018?
https://www.faz.net/…/hans-werner-sinn-italiens-regierung-w…?
https://www.ansa.it/…/eurozona-nuovo-calo-disoccupazione-a-…
https://missingprofits.world/…/uploads/2019/09/TWZUpdate.pdf

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti