/ Il principe Harry parteciperà alle più grandi esercitazioni di gu...

Il principe Harry parteciperà alle più grandi esercitazioni di guerra contro la Russia

 

I media britannici rivelano che il principe Harry, nipote della regina Elisabetta II, ha accettato "clandestinamente" di partecipare alla più grande partita di guerra contro la Russia.


Qualcosa pur dovevano metterlo a fare, il principe Harry già deve sperare in una vera e propria ecatombe familiare per diventare Re, dunque, per non sentirsi in colpa con il contribuente britannico costretto a mantenerlo, parteciperà a una delle più grandi esercitazioni militari in Europa negli ultimi 20 anni contro la Russia, un "avvertimento" per il presidente russo Vladimir Putin per quello che definiscono la possibile "aggressione russa", come riferiscono i media locali.
 
1000 degli 8.000 soldati statunitensi e dei paesi europei che verranno in Norvegia appartengono alla Royal Marine Corps del Regno Unito e si addestrano su come respingere un presunto attacco della Russia contro questo paese del Nord Europa.
 
Sotto un "accordo segreto", il principe Harry, 34 anni, accompagnerà l'esercito e avrà un ruolo chiave nelle esercitazioni di guerra, la cui data non è stata rivelata.
 
"Harry sarà totalmente coinvolto nelle esercitazioni di guerra e verrà a conoscenza di piani di guerra top secret", ha dichiarato una fonte militare a condizione di anonimato Venerdì al media locale, Mirror, che parla dello spettacolo del potere militare europeo, che durerà 12 settimane. 
 
L'implicazione del principe Harry, secondo l'informatore, è "buona notizia" e "un messaggio positivo" per l'esercito britannico.
"La sua presenza tra le truppe è importante", ha aggiunto.
 
Harry, Duca di Sussex, avrà anche accesso a tutte le aree in cui verranno condotte esercitazioni militari.
 
La partecipazione del principe britannico non sarà ufficialmente annunciata, quindi il Mirror ha promesso di non pubblicare dettagli sensibili del suo ruolo nella più grande esercitazione anti-russa.
 
La NATO, con gli Stati Uniti in testa, ha aumentato la sua attività vicino alla Russia, in particolare nella regione del Baltico in risposta al presunto coinvolgimento di Mosca nel conflitto in Ucraina e rivendicare ciò che definisce la "minaccia" del paese eurasiatico.
 
A sua volta, Mosca avverte della crescente presenza militare dell'Alleanza Atlantica vicino ai suoi confini come misura destabilizzante e afferma che il blocco militare combatte contro una minaccia che praticamente "non esiste".
 
 
Fonte: Mirror - Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa