Il soldato polacco Emil Czeczko spiega perché ha chiesto asilo in Bielorussia

Il soldato polacco Emil Czeczko spiega perché ha chiesto asilo in Bielorussia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il soldato delle delle forze armate polacche Emil Czeczko impiegato al confine, che nella giornata di ieri ha deciso di chiedere asilo politico alla Bielorussia, ha spiegato i motivi che lo hanno spinto a prendere questa decisione. 

“Ho disertato l'esercito attraversando il filo spinato, mi sono strappato i pantaloni, mi sono ferito al braccio, ho attraversato di corsa la zona vietata e ho visto che stava arrivando una pattuglia polacca. Mi sono tolto l'uniforme e sono corso senza vestiti verso la Bielorussia in modo indiretto. Ho deciso di lasciare l'esercito polacco in questo modo, perché è impossibile tacere su ciò che sta accadendo sul territorio della Polonia", ha affermato Emil Czeczko, secondo quanto riporta l’agenzia BelTA. 

Il soldato ha spiegato di essere in totale disaccordo con le politiche del suo paese. “Ero seduto accanto al fuoco senza fare nulla e pensavo a quello che era successo in queste foreste negli ultimi mesi. Quando siamo arrivati, ci è stato detto che saremmo stati schierati vicino ai posti di frontiera. Ad un certo punto, cominciarono ad arrivare persone del controspionaggio. Erano proprio lì. A volte si imbattevano nei soldati in modo che si abituassero all'aggressione nei loro confronti. Se un soldato voleva uscire, controllavano i suoi documenti senza motivo, gli dicevano cose stupide, anche se sapevano che non poteva rispondere - una tipica dimostrazione di superiorità", ha detto il soldato.

“Hanno fatto di tutto per assicurarsi che nessun soldato fuggisse. Cercheranno di mettere a tacere questo caso, per rendermi la persona peggiore. Diranno che ero un piantagrane nell'esercito o che sono morto. È ovvio", ha aggiunto Emil Czeczko.

Emil Czeczko, nato nel 1996, è stato fermato da un'unità di guardia di frontiera bielorussa nella zona vietata all'avamposto di confine di Tushemlya del gruppo di frontiera di Grodno alle 17:50 del 16 di dicembre. L'uomo ha detto di essere un soldato dell'11° Reggimento Artiglieria Masuria della 16a Divisione Meccanizzata Pomerania intitolata al re Casimiro, le cui unità sono state schierate per garantire la protezione del confine con la Bielorussia durante lo stato di emergenza imposto nelle zone di frontiera della Polonia. Il soldato ha affermato di aver deciso di chiedere asilo politico in Bielorussia poiché contrario alla gestione della crisi dei migranti da parte della Polonia e al trattamento disumano riservato dai polacchi ai rifugiati. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...