Il WSJ conferma: Navalny stava per essere liberato

Il WSJ conferma: Navalny stava per essere liberato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



PICCOLE NOTE

Un articolo fiume del Wall Street Journal conferma in maniera inoppugnabile che Navalny stava per essere liberato in uno scambio di prigionieri. Ne abbiamo già scritto in passato, spiegando che il rilascio dell’oppositore politico a pochi giorni dalle elezioni sarebbe stato un colpo magistrale, dal punto di vista propagandistico, da parte di Putin.

In a Secret Game of Prisoner Swaps, Putin Has Held Most of the Cards. Navalny


La liberazione di Navalny al centro delle trattative per lo scambio di prigionieri

Ma qualcosa è andato storto: o davvero è morto per cause naturali, come affermato da Putin e dal capo dei servizi segreti militari ucraini Kyrylo Budanov, oppure qualcuno l’ha ucciso per impedire il successo propagandistico di Putin (la Russia non potrà mai confermare quest’ultima versione, ne abbiamo già scritto, inutile ripetersi).

L’articolo fiume del WSJ apporta alcuni elementi nuovi, ribadendo che la liberazione di Navalny fu inserita all’interno di una trattativa per rimpatriare alcuni americani detenuti in russia e un russo detenuto in Germania.

Questo l’incipit dell’articolo: “Nello Studio Ovale non c’erano assistenti né appunti: solo il presidente Biden e il suo ospite tedesco. Il cancelliere Olaf Scholz arrivò con un breve preavviso con l’unico aereo che riuscì a prenotare, un piccolo 321, che fu costretto anche a fare rifornimento in Islanda. La guerra della Russia in Ucraina e i combattimenti a Gaza hanno dominato i 90 minuti dell’incontro”.

“Ma c’era un ultimo punto segreto all’ordine del giorno: la Germania e l’America erano disposte a condurre uno dei più complessi scambi di prigionieri con il Cremlino dai tempi della Guerra Fredda”

“Washington voleva che Vladimir Putin rimandasse a casa due americani ritenuti illegalmente incarcerati in Russia, l’ex marine Paul Whelan e il giornalista del Wall Street Journal Evan Gershkovich, che venerdì festeggeranno un anno di prigionia. Putin voleva che Berlino liberasse Vadim Krasikov, un sicario russo che stava scontando l’ergastolo in Germania per omicidio”.

“Era difficile da accettare per l’alleato americano, ma forse avrebbe potuto essere rivenduto all’opinione pubblica tedesca [che l’avrebbe accettato] se la Russia avesse accettato di liberare il suo dissidente più importante, Alexei Navalny”.

“I due governi hanno convenuto di esplorare ulteriormente l’idea. La Casa Bianca non ha avuto la possibilità di fare una proposta formale a Mosca. La notizia dei colloqui è arrivata al Cremlino tramite un intermediario privato, secondo persone a conoscenza dei fatti. Il 16 febbraio, una settimana dopo l’incontro nello Studio Ovale, Navalny è morto improvvisamente”.

Il ruolo della Clinton e la contrarietà della Baerbock

L’articolo riannoda i fili del passato, raccontando la storia dei detenuti americani in Russia e le pressioni per liberarli. E spiega: “Uno sforzo transnazionale più ambizioso per liberarli aveva iniziato a prendere forma, inizialmente guidato da una fonte inaspettata: Hillary Clinton. L’ex segretario di Stato aveva accettato la proposta di Christo Grozev, amico e collaboratore di Navalny, di fare pressione sulla Casa Bianca per ricomprendere nei negoziati il ??leader dell’opposizione russa detenuto, consegnando in cambio ai russi Krasikov”.

“La moglie di Navalny, Yulia Navalnaya , si era avvicinata in modo informale ai funzionari tedeschi, ma il governo era diviso. Il ministro degli Esteri Annalena Baerbock si è opposto a qualsiasi accordo che coinvolgesse Krasikov!”.

Allo stesso tempo, “Putin, nel frattempo, aveva lasciato intendere con forza che sarebbe stato aperto a uno scambio che comprendesse Gershkovich”. E sul punto il WSJ ricorda come abbia parlato di uno scambio di prigionieri nell’intervista con Tucker Carlson.

“Sembrava che lo slancio [per la liberazione] crescesse, ma non c’era ancora un accordo finale tra Stati Uniti e Germania, né alcuna proposta ai russi [formale, informale sì ndr]. Sette giorni dopo l’incontro di Biden con Scholz, i più stretti collaboratori di Navalny e sua moglie Yulia sono arrivati ????al convegno internazionale dei funzionari della sicurezza a Monaco, nel quale speravano di riuscire a ottenere una svolta a breve”. Ma poi l’imprevisto.

Ovviamente, il WSJ non dimentica di accusare Putin, come da legge non scritta della propaganda, ma resta la ricostruzione, che vede addirittura impegnati, oltre alla Clinton (che ha parlato con Navalny il giorno prima della morte), Biden e Sholz.

 Piccole Note

Piccole Note

 

Piccole Note è un blog a cura di Davide Malacaria. Questo il suo canale Telegram per tutti gli aggiornamenti: https://t.me/PiccoleNoteTelegram

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti