/ In cosa consiste la riforma costituzionale in Burundi?

In cosa consiste la riforma costituzionale in Burundi?

 

Il progetto di riforma può essere approvato con il voto affermativo del 51% della popolazione



teleSUR
 

Più di cinque milioni di persone sono chiamate a partecipare questo 17 maggio al referendum indetto dal presidente del Burundi, Pierre Nkurunziza, per approvare o respingere la riforma della Costituzione del 2005.

 

La consultazione popolare propone l'estensione del mandato presidenziale da cinque a sette anni, nonché l'esercizio dell'ufficio per due mandati consecutivi.

 

Con il voto favorevole del 51% degli elettori, il progetto può essere approvato e consentire al presidente di continuare nella direzione del paese fino all'anno 2034.

 

Allo stesso modo, propone la creazione di una posizione di primo ministro e un altro di vicepresidente, poiché attualmente i regolamenti nazionali istituiscono due vicepresidenti.

 

Secondo il decreto firmato dal presidente Nkurunziza il 18 marzo, il primo ministro sarà nominato dal partito di governo mentre un altro partito eleggerà il vice presidente.

 

Pierre Nkurunziza è entrato in carica nel 2005 dopo la firma degli accordi di Arusha e nel 2015 ha iniziato il suo terzo mandato. Se la riforma viene approvata, potrebbe candidarsi nel 2020 ed essere rieletto nel 2027.

 

Accordo di pace e riconciliazione di Arusha

 

Dopo 12 anni di guerra civile tra Hutu e Tutsi che hanno causato la morte di circa 300.000 persone, nell'agosto del 2000 è stato firmato l'Accordo di Pace e Riconciliazione di Arusha, meglio noto come Accordi di Arusha.

 

Con la mediazione degli ex presidenti della Tanzania e del Sud Africa, Julius Nyerere e Nelson Mandela, rispettivamente, è stata promossa l'eliminazione della discordia tra i settori della popolazione.

 

Ciò ha consentito le prime elezioni multipartitiche dal momento in cui il Burundi ha raggiunto la sua decolonizzazione.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa