In Venezuela c'è una dittatura? Ecco cosa pensa la gente comune

In Venezuela c'è una dittatura? Ecco cosa pensa la gente comune

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Venezuela chavista è una dittatura spietata. Il popolo langue sotto il tallone di ferro del tiranno Maduro. Quante volte abbiamo ascoltato questi argomenti ripetuti ossessivamente dai liberali nostrani spalleggiati dall’intero complesso mediatico mainstream?

La realtà però è ben diversa e ci racconta tutt’altro. Chi meglio della gente comune può testimoniare la realtà del paese? 

"Non c'è dittatura in Venezuela e la situazione economica sta migliorando", ha affermato un cittadino venezuelano che lavora come tassista al giornalista australiano Denis Rogatyuk, che lo ha intervistato mentre percorrevano un'arteria stradale a Caracas.

“Penso che se esistesse una dittatura qui in Venezuela, le persone non si esprimerebbero come fanno. A volte si comportano come dei razzisti”, dice il cittadino in un video postato su Twitter dal giornalista. Il tassista ha inoltre aggiunto che i sostenitori del governo ricevono continui attacchi dagli oppositori. 

Pertanto, ha spiegato, se ci fosse una "dittatura" come alcuni insistono, non si verificherebbero questi attacchi contro i sostenitori della Rivoluzione Bolivariana. “Come ho detto, se ti vedono con un indumento allusivo ti attaccano, ti cacciano dai posti, se ci fosse una dittatura non sarebbero capaci di questo, accadrebbe il contrario e questo non succede da nessuna parte”. 

Invece è abbastanza comune vedere persone che indossano cappellini e abiti dell'opposizione, “e non vedi nessun governativo venire a bollarli come ‘oppositori’ o cose del genere”. 

Il tassista ha sostenuto che gli oppositori si lamentano perennemente di quella che definiscono "dittatura", tuttavia la realtà è che sono loro che vogliono imporla, "per il semplice fatto di indossare vestiti rossi, ti attaccano”. 

Per quanto riguarda lo scenario economico, il cittadino venezuelano ritiene che il Venezuela si stia davvero "riprendendo", anche se "con i blocchi non saremo in grado di riprenderci completamente, sono troppo forti”.

In conclusione afferma che "ogni volta che vogliono fotterci di più, noi venezuelani siamo combattenti e sappiamo come ingegnarci di fronte alle avversità”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe