In violazione dei diritti umani Madrid batte Caracas 26 a zero. Parola di Onu

In violazione dei diritti umani Madrid batte Caracas 26 a zero. Parola di Onu

L'opera di mistificazione mediatica internazionale umiliata dall'Onu in un rapporto del Comitato dei diritti umani: l'Onu approva il Venezuela e sospende la Spagna

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Invece di parlare dei problemi dei propri cittadini e di una crisi sociale sempre maggiore, la campagna elettorale spagnola - anzi le due campagne elettorali spagnole - si sono occupate esclusivamente della crisi 'umanitaria' e della crisi 'dei diritti umani' in corso in Venezuela. Le prime pagine de El Pais, ABC, El Mundo tutte su Maduro, Caracas e nulla sui milioni di poveri spagnoli. 

Il rapporto del Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite del 2015 ridicolizza la campagna spagnola di denigrazione - a cui hanno chiaramente partecipato i peggiori giornali italiani come Repubblica e Fatto Quotidiano - e che vi fa capire la bassezza morale e il livello della povera stampa di questo continente che si crede libero. Nei giorni dell'inaugurazione dell'Assemblea Generale Onu, la stampa venezuelana lo ha voluto ricordare oggi.



Il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha pubblicato le sue conclusioni in merito all'attuazione dei diritti civili e politici di alcuni paesi:  Spagna, Venezuela, Regno Unito, Macedonia, Canada, Uzbekistan e Francia. 

Contraddicendo la vergognosa opera di mistificazione e propaganda avvenuta in questi mesi contro la Repubblica Bolivariana da parte dei mezzi di informazione spagnoli (e quelli italiani), il Comitato ha approvato in toto il comportamento del governo di Caracas e duramente censurato quello spagnolo in ben 26 sezioni.

Le osservazioni conclusive del Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite sottolineano gli aspetti positivi della realizzazione in Venezuela del Patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR), ratificato dal paese nel 1978.  Contemporaneamente, il Comitato ha pubblicato le osservazioni conclusive sulla Spagna e Madrid viene bocciata per il razzismo e violenza della polizia, la disuguaglianza di genere, la violenza contro le donne, la legge bavaglio contro l'informazione, l'aborto illegale, la sterilizzazione forzata dei disabili, la detenzione degli immigrati..etc. Si tratta di accuse gravi che la stampa spagnola e italiana riprenderanno? La stampa italiana e spagnola si scuseranno con Caracas per le menzogne dei mesi scorsi? La stampa italiana e quella spagnola inizieranno a preoccuparsi delle manganellate contro i manifestanti pacifici spagnoli e italiani? La stampa italiana e quella spagnola si inizieranno a preoccupare della situazione socio-economica di Spagna e Italia? La stampa italiana e quella spagnola si preoccuperanno del livello di libertà e democrazia interni invece di sognare esportazioni neo-coloniali all'estero?

Lo vedremo. Per adesso, dopo aver analizzato la situazione della Spagna, le Nazioni Unite hanno espresso questo giudizio: sospesa. La relazione ha aggiunto 26 "preoccupazioni" per la violazione del Patto e criticato la persistenza di leggi contrarie alle pratiche dei diritti umani. E quindi: in violazione dei diritti umani Madrid batte Caracas 26 a zero. Parola di Onu.

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe