Intelligence e media, nuovi documenti svelano la massiccia operazione di propaganda dell'Occidente contro la Siria

Intelligence e media, nuovi documenti svelano la massiccia operazione di propaganda dell'Occidente contro la Siria

Documenti pubblicati dal portale “Grayzone” hanno rivelato come l'intelligence occidentale abbia usato i media arabi e internazionali per produrre una copertura mediatica fuorviante della situazione in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


In un articolo sul sito web di Grayzone, sono stati pubblicati documenti che rivelano una propaganda su larga scala da parte di appaltatori e media del governo occidentale contro il governo siriano
 
L'autore Ben Norton ha spiegato che i documenti trapelati mostrano come gli appaltatori del governo britannico hanno sviluppato un'infrastruttura avanzata di propaganda per stimolare il sostegno in Occidente alla cosiddetta "opposizione politica e armata della Siria".
 
Praticamente ogni aspetto della cosiddetta "opposizione siriana" è stato coltivato e commercializzato da società di pubbliche relazioni sostenute dal governo occidentale, dalle loro narrazioni politiche al loro marchio, da ciò che hanno detto a dove lo hanno detto.
 
I file trapelati rivelano come i centri di intelligence occidentali hanno usato i media, creando con cura la copertura mediatica in lingua inglese e araba della guerra in Siria per sfornare un flusso costante della cosiddetta "copertura pro-opposizione".
 
Appaltatori statunitensi ed europei hanno formato e consigliato "leader dell'opposizione siriana" a tutti i livelli, queste aziende hanno anche organizzato interviste per i cosiddetti "leader dell'opposizione siriana" su canali mainstream come BBC e Channel 4 del Regno Unito.
 
Più della metà delle persone usate da Al Jazeera in Siria sono state addestrate in un programma congiunto del governo USA-Regno Unito chiamato "Basma", che ha prodotto centinaia di attivisti dei media terroristici.
 
Le società di pubbliche relazioni dei governi occidentali non solo hanno influenzato il modo in cui i media hanno coperto la Siria, ma come rivelano i documenti trapelati, hanno prodotto le proprie pseudo-notizie propagandistiche da trasmettere sulle principali reti televisive in Medio Oriente, tra cui BBC Arabic, Al Jazeera, Al Arabiya, e Orient TV.
 
Queste aziende finanziate dal Regno Unito hanno svolto la funzione di PR a tempo pieno per le organizzazioni terroristiche. Un appaltatore, chiamato InCoStrat, ha affermato di essere in costante contatto con una rete di oltre 1.600 giornalisti internazionali e "influencer" e li ha utilizzati per promuovere punti di discussione pro-terrorismo.
 
Un altro appaltatore del governo occidentale, ARK, ha elaborato una strategia per "rinominare" le organizzazioni terroristiche in Siria "ammorbidendone l'immagine". ARK si vantava di aver fornito propaganda terroristica che "andava in onda quasi ogni giorno" sulle principali reti televisive in lingua araba.
 
Praticamente tutti i principali media aziendali occidentali sono stati influenzati dalla campagna di disinformazione finanziata dal governo del Regno Unito rivelata nella raccolta di documenti trapelati, dal New York Times al Washington Post, dalla CNN al Guardian, dalla BBC a Buzzfeed.
 
I file confermano le notizie di giornalisti, tra cui Max Blumenthal di The Grayzone, sul ruolo di ARK, l'appaltatore del governo USA-Regno Unito, nella divulgazione dei "caschi bianchi" nei media occidentali. ARK gestiva gli account sui social media dei Caschi Bianchi e ha contribuito a trasformare il gruppo finanziato dall'Occidente in un'arma di propaganda chiave della cosiddetta opposizione siriana.
 
I documenti trapelati consistono principalmente in materiale prodotto sotto gli auspici del Foreign and Commonwealth Office del Regno Unito. 
Oltre a dimostrare il ruolo svolto da questi attori dell'intelligence occidentale nel plasmare la copertura mediatica, i documenti fanno luce sul programma del governo britannico per addestrare e armare i gruppi terroristici in Siria.
 
Altri materiali mostrano come i governi di Londra e occidentali abbiano collaborato per costruire una nuova forza di polizia nelle aree controllate dal terrorismo.
 
Alcuni degli appaltatori del governo britannico le cui attività sono esposte in questi documenti trapelati erano in vigore per sostenere Jabhat al-Nusra, affiliato siriano di al-Qaeda, e le sue fanatiche propaggini.
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti