/ Iran, Libia, Venezuela: una "tempesta perfetta" incombe sui prezz...

Iran, Libia, Venezuela: una "tempesta perfetta" incombe sui prezzi del petrolio mondiale

 

Lo scenario potrebbe verificarsi nelle prossime settimane, avvertono gli esperti.


Dopo essere aumentato di oltre il 30% quest'anno, il prezzi del petrolio potrebbero aumentare ulteriormente nelle prossime settimane, data una combinazione di fattori rialzisti a breve termine intorno all'offerta, riporta il portale Oilprice.com, citando diversi esperti nei mercati.
 
Ci sono tre Stati candidati per scuotere il mercato: Iran, Venezuela e Libia . 
 
I tre membri dell'OPEC sono stati esclusi dai tagli di produzione imposti dal cartello, in vigore dallo scorso gennaio e che dureranno almeno fino al prossimo giugno. La produzione in questi paesi è diminuita o è stata volatile.
 
Secondo Stephen Brennock, analista di PVM Oil Associates, è la Libia a rappresentare la più grande minaccia geopolitica per i mercati petroliferi.
 
Marshal Khalifa Belqasim Haftar, le cui forze controllare oltre il 70% del paese, ha lanciato lo scorso 4 aprile un'offensiva per riconquistare Tripoli e liberare la capitale del governo di Accordo Nazionale, sostenuta dalle Nazioni Unite. 
 
Lo scontro potrebbe nuovamente minare la produzione e l'esportazione del petrolio libico.
 
" Penso che la questione non è se ci sarà [calo della produzione] , ma piuttosto quando. Haftar e le sue forze sono decisi a rimanere a Tripoli, e con questo non v'è un rischio inevitabile che l'offerta è minata" secondo Brennock in alcune dichiarazioni alla CNBC.
 
Iran: zero esportazioni?
 
Allo stesso tempo, l'economista della società di consulenza EIU Cailin Birch ritiene che il fattore più importante a questo riguardo sia l'Iran e le sanzioni imposte da Washington contro la sua industria petrolifera. L'imprevedibile politica statunitense potrebbe portare alla revoca delle esclusioni all'acquisto di greggio iraniano concesso ad alcuni clienti, che scadranno il mese prossimo, ha detto l'esperto al canale.
 
Tuttavia, altri analisti ritengono che, nonostante la loro ripetuta retorica sulla "massima pressione" e "zero esportazioni" dall'Iran, USA. Sarà più flessibile nei confronti dei principali clienti di Teheran, per paura che i prezzi del petrolio possano saltare in aria.
 
Alcuni analisti credono che stringendo le sanzioni contro il Venezuela, gli Stati Uniti attenuerebbe la sua posizione nei confronti dei clienti iraniani, dal momento che due colpi all'offerta aggiunta al possibile calo delle esportazioni dalla Libia lascerebbe il mercato troppo colpito . E ciò innescherebbe il rialzo dei prezzi.
 
 
"Con la continua crescita della domanda mondiale, nonostante le previsioni di rallentamento globale, il mercato si è concentrata sulla una tempesta quasi perfetta di notizie rialzista sui prezzi , " ha dichiarato Ole Hansen, capo delle strategie sulle materie prime della Banca Saxo, nelle previsioni trimestrali della banca.
 
L'Arabia Saudita e altri membri dell'OPEC vogliono che i prezzi del petrolio superino gli 80 dollari al barile per raggiungere i loro obiettivi di budget e difficilmente saranno contenti che resti a $ 70, secondo Hansen.
 
Oggi, un barile del marchio Brent costava 73,67 dollari .
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa