Iran: revoca sanzioni chiave del successo per i dialoghi di Vienna

Iran: revoca sanzioni chiave del successo per i dialoghi di Vienna

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Alla conferenza stampa tenuta dopo una riunione della Commissione mista sui negoziati di Vienna, il viceministro degli Esteri iraniano Ali Baqeri Kani ha sottolineato che quasi tutti i partecipanti all'incontro si sono focalizzati sulla rimozione delle crudeli sanzioni statunitensi contro l'Iran, imposte dopo il ritiro unilaterale di Washington dal patto nucleare nel 2018.

"Nella riunione odierna, la Repubblica islamica dell'Iran ha sottolineato ancora una volta che la chiave del successo e del progresso dei colloqui verso un accordo è l'effettiva e pratica rimozione delle sanzioni " , ha ribadito il diplomatico persiano.

In tal senso, ha annunciato la decisione che, all'ordine del giorno, saranno inseriti incontri tra Iran e Gruppo 4+1  - ovvero Regno Unito, Francia, Russia e Cina, più la Germania - incentrati sul tema di eliminazione degli embarghi anti-iraniani.

Baqeri Kani ha spiegato che questo è un "segno promettente" che le parti opposte dell'Iran hanno concordato di mettere seriamente all'ordine del giorno la questione della revoca delle sanzioni. "Se la questione va avanti, crediamo che potrebbe facilitare un futuro accordo" , ha aggiunto.

Secondo Baqeri Kani, in merito al Piac, Teheran sta valutando due questioni principali, tra cui la verifica dell'eliminazione delle sanzioni statunitensi nei confronti del Paese persiano e le garanzie che Washington deve promettere al riguardo.

“La Repubblica islamica ha dichiarato che se si raggiunge un accordo, la parte che ha violato l'accordo, gli Stati Uniti, deve prima togliere le sanzioni. Quindi, l'Iran verificherebbe [il processo] e si conformerebbe ai suoi obblighi nucleari nell'ambito del PIAC" , ha precisato.

In questo contesto, ha sottolineato che il Paese nordamericano non dovrebbe violare nuovamente l'accordo o imporre nuove sanzioni contro la Repubblica islamica dell'Iran che siano contrarie all'accordo. " La legittima e logica richiesta della Repubblica islamica è stata che l'altra parte offrisse garanzie", ha precisato.

Le dichiarazioni di Baqeri Kani è venuto in un momento in cui l'Iran e gli altri firmatari  delPIAC o JCPOA, hanno avviato l'ottavo round di colloqui a Vienna, ieri pomeriggio, che oltre alla revoca delle sanzioni statunitensi, cercano di riattivare il patto firmato nel 2015.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti