/ Irlanda. La storica vittoria dello Sinn Fein č un rifiuto atteso...

Irlanda. La storica vittoria dello Sinn Fein č un rifiuto atteso da tempo dello status quo e del sistema di comodo dei due partiti

 
Segue l'analisi di Danielle Ryan, scrittrice e giornalista  freelance irlandese. I sui lavori sono apparsi in Salon, The Nation, Rethinking Russia, teleSUR, RBTH, The Calvert Journal e altri. Per seguirla  su Twitter @DanielleRyanJ
 
È stato descritto come un "terremoto", uno "tsunami", un "monsone". Comunque lo si chiami, l'Irlanda ha assistito a un terremoto politico, con lo Sinn Fein da lungo tempo emarginato che sbalordisce l'establishment per diventare il partito più popolare dell'isola.

 
Vincendo il voto popolare, lo Sinn Fein (SF) di sinistra, a lungo ostacolato dalle sue storiche associazioni con l'IRA e dalla violenta lotta contro lo stato britannico nell'Irlanda del Nord, è riuscito a portare a termine un'impresa che nessun altro partito politico ha realizzato in quasi un secolo.
 
Per un estraneo che non ha familiarità con i dettagli più fini della politica irlandese, i numeri stessi potrebbero non sembrare così significativi: SF ha vinto il voto popolare con il 24,5%, mentre i due partiti dell'establishment di centro destra, Fianna Fail (FF) e Fine Gael (FG) , hanno ottenuto rispettivamente il 22,2 e il 20,9 percento. Solo quando lo metti nel suo contesto storico , il significato della crescita dello Sinn Fein diventa chiaro.

 
 
Con il sistema di voto proporzionale dell'Irlanda, i primi voti di preferenza per SF erano un minuscolo 1,9 per cento nel 1987. Un decennio più tardi nel 1997, quella cifra era cresciuta fino a un misero 2,5 per cento. Nel 2016 è salito al 13,8 percento, ma il partito era ancora considerato politicamente insignificante. Quattro anni dopo e sotto una nuova guida, SF è riuscita a diventare il partito più popolare del paese e, infine, ha rotto il sistema a due partiti dell'Irlanda.
 
Pregiudizio mediatico anti-sinn
 
Questo è stato un giorno che molti non avrebbero mai creduto che sarebbe arrivato. Solo 26 anni fa, prima della firma dell'Accordo del Venerdì Santo, i rappresentanti di Sinn Fein erano ancora banditi dalle onde radio in Irlanda ai sensi della "Sezione 31" del Broadcasting Authority Act. Domenica, c'è stata una mischia mediatica internazionale per ottenere una parola dalla cinquantenne leader del partito Mary Lou McDonald, la cui educazione borghese del sud di Dublino la distingue dall'immagine degli uomini dell'IRA del passato in passamontagna.
 
 
 
 
Questa evoluzione non è stata facile. A ventidue anni dall'accordo di pace, un radicale pregiudizio anti-SF permea ancora gran parte dei media irlandesi. La festa è incessantemente e combattivamente messa in discussione sul suo passato. Le sue politiche economiche di sinistra e le promesse di imporre tasse più elevate ai ricchi (non sorprende) non vanno troppo bene con i presentatori generosamente remunerati all'emittente di stato irlandese, RTE.
 
Il canale irlandese Virgin One ha rifiutato di invitare McDonald al primo dibattito dei leader preelettorali. Scandalosamente, RTE ha anche tentato di bloccarla dal dibattito dei suoi stessi leader, alla fine arretrando di fronte al contraccolpo pubblico mentre SF si è posizionata al primo posto nei sondaggi - e un sondaggio sul sito Web di notizie ampiamente letto (ma inclinato a sinistra), The Journal, ha scoperto che l'82,3 per cento ha ritenuto che doveva essere presnete sul palco del dibattito.
 
Nel frattempo, la vecchia guardia di FF e FG aveva giurato costantemente che non sarebbero mai entrati in una coalizione con SF. I risultati di sabato hanno visto il leader della FF Micheal Martin cambiare rapidamente la sua melodia. Con gli occhi puntati sul premio dell'ufficio di Taoiseach (PM), Martin ha immediatamente ammorbidito la sua posizione anti-SF. 
 
 
Brexit e "nazionalismo"
 
Domenica scorsa, molti esperti irlandesi si stavano precipitando disperatamente per inquadrare il successo di SF come voto di "protesta", senza segnalare un vero cambiamento. In Gran Bretagna, dove i commenti sull'Irlanda sono generalmente tristi e quasi sempre mancano il bersaglio, c'è stata una reazione istintiva a inquadrare il risultato come guidato dalla Brexit. Negli Stati Uniti, un pezzo su The Atlantic spiegava che l'impennata dello Sinn Fein punta al "crescente nazionalismo" e ha confrontato il risultato con l'elezione di Donald Trump.
 
Lo SF è spesso descritto come un partito "nazionalista" . In un contesto europeo più ampio, la parola "nazionalista" evoca immediatamente immagini di movimenti anti-immigrati di estrema destra - ma nel contesto irlandese, la parola è radicata nell'anti-colonialismo e quasi interamente collegata alla riunificazione nord-sud e un'Irlanda libera dall'influenza britannica.
 
 
 
 
In effetti, i sondaggi sulle elezioni hanno mostrato che "Brexit" e "immigrazione" erano in fondo all'elenco delle questioni che guidano le scelte degli elettori (l'uno per cento). In cima c'erano l'assistenza sanitaria (32 per cento) e la casa e i senzatetto (26 per cento). 
 
"Terremoto" e Irlanda unita?
 
Lo SF è stata la scelta per il 30,8 percento degli elettori di età compresa tra 18 e 24 anni. Dando uno sguardo più ampio, il partito è ora il più popolare tra tutti i gruppi di voto di età inferiore ai 65 anni. La direzione del viaggio nella politica irlandese per il momento è innegabilmente lasciata - e la paura del passato di SF non sembra più essere una strategia vincente per parti istituzionali e media mainstream. 
 
È interessante notare che il sondaggio di uscita ha anche mostrato che il 75% dei giovani tra i 18 e i 24 anni desidera vedere un referendum sull'unità irlandese entro cinque anni (il 57% nel complesso). Mentre l'unità non è stata un problema trainante nella campagna, i sondaggi nella Repubblica hanno costantemente mostrato una solida maggioranza a favore della riunificazione - e con la Scozia desiderosa di un secondo referendum sull'indipendenza, non c'è da meravigliarsi che i media britannici stiano gettando i loro giocattoli fuori dalla carrozzina e temendo un'eventuale rottura del Regno Unito.
 
La gioventù irlandese è stata stimolata dai recenti referendum che hanno posto fine a un divieto di aborto e legalizzato il matrimonio tra persone dello stesso sesso - ed è probabilmente sicuro affermare che l'interesse per i giovani di Sinn Fein è stato almeno in parte guidato dal ruolo di primo piano che l'affabile McDonald ha avuto in quelle campagne. Eppure, più di ogni altra cosa, è stato guidato dal disastroso fallimento dei governi precedenti di offrire loro qualsiasi speranza per il futuro. Con la mancanza di alloggi a prezzi accessibili, affitti esorbitanti e una crisi nella sanità pubblica, le persone sono sempre più desiderose di vedere un governo che non include né FG né FF.
 
 
 
 
Il conflitto è ora iniziato e si dovrà decidere quali parti costituiranno il prossimo governo. Non sarà una trattativa facile. Sulla base del conteggio dei seggi, potremmo vedere McDonald entrare in un matrimonio politico a disagio con FF. Dice che "potrebbe anche essere possibile" per lei diventare la prima Taoiseach donna. 
 
Nei sogni più sfrenati della sinistra irlandese, McDonald potrebbe guidare un'ampia coalizione di sinistra, anche se i numeri attuali lo rendono molto difficile. Se non ora, forse la prossima volta. Certo, c'è sempre la possibilità che, se nessun governo praticabile può essere concordato, la "prossima volta" potrebbe non essere così lontana.
 
Qualunque sia il risultato nelle prossime settimane, queste elezioni sono state uno schiaffo di fronte a quello che era lo status quo in Irlanda e del suo sistema a due partiti.
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa