ALBA LATINA/Jair Bolsonaro e l'Operazione Gedeone: il capitolo brasiliano del...

Jair Bolsonaro e l'Operazione Gedeone: il capitolo brasiliano dell'ultima trama golpista contro il Venezuela

 


Misión Verdad
 

Le indagini condotte dopo il fallito colpo di Stato in Venezuela non lasciano dubbi sulla partecipazione del governo Iván Duque, nonché sulle alleanze con il traffico di droga per fornire risorse logistiche ai mercenari organizzati dalla società Silvercorp nel territorio colombiano.

 

Tuttavia, c'è un elemento descritto nelle clausole del contratto firmato da Guaidó e dall'appaltatore militare Silvercorp che spiega il ruolo che il governo di Jair Bolsonaro avrebbe svolto una volta che l'assassinio contro il presidente Nicolás Maduro fosse stato eseguito e le forze di occupazione statunitensi fossero giunte nel Paese.

 

Il quotidiano Brasil de Fato esamina un frammento delle 42 pagine del contratto, in cui si riferisce al territorio e alle autorità brasiliane.

 

In particolare, l'Operazione Gedeone non avrebbe avuto alcuna limitazione all'ingresso nel territorio brasiliano se si fossero verificati scontri con "forze ostili" (uno degli obiettivi derivati dall'assalto al potere è la persecuzione e la soppressione del chavismo in tutte le sue forme organizzative all'interno dello Stato venezuelano).



 

Come per la Colombia, l'esercito mercenario di Silvercorp (supportato da eserciti e altri paramilitari stranieri) potrebbe invadere lo spazio aereo, terrestre e marittimo del Brasile senza autorizzazione dello Stato brasiliano.

 

Affinché questo presunto scenario si verifichi, sarebbe necessaria la subordinazione delle autorità brasiliane al piano della Casa Bianca.

 

Conoscendo il sostegno di Bolsonaro all'agenda golpista dall'autoproclamazione di Juan Guaidó, non sarebbe strano per il Brasile intervenire come un altro fattore nella guerra esternalizzata nel nostro paese.

 

Brasil de Fato esegue una cronologia per collegare vari eventi sorti dal 2018. Viste dal contesto dell'incursione fallita, riconfermano che i paesi satellite statunitensi nella regione, lungi dal lavorare per la "democrazia in Venezuela", sostengono azioni criminali miranti a distruggere la sua integrità territoriale.

 

In primo luogo, la visita di Silvercorp in Brasile durante le elezioni presidenziali del 2018 è sorprendente, un fatto che è stato pubblicato da BrasilWire. Il portale afferma:

 

"L'esame di Silvercorp e dei suoi account sui social media ha rivelato che la società era presente durante le elezioni, in cui il candidato di estrema destra appoggiato dagli USA Jair Bolsonaro salì al potere (...) Silvercorp ha pubblicato dal suo Instagram il 18 ottobre 2018 - 11 giorni dopo il primo turno delle elezioni e 10 giorni prima del secondo turno - che stavano lasciando il Brasile, dopo un periodo non specificato".

 

Nel 2019, due eventi si distinguono nella cronologia redatta da Brasil de Fato.

Il primo è legato alle articolazioni stabilite dall'ormai ex Ministro della Giustizia e della Pubblica Sicurezza, Sergio Moro, tra le agenzie di sicurezza brasiliane e il Federal Bureau of Investigation (FBI) degli Stati Uniti, un elemento che fa parte della giudiziarizzazione politica che ha portato alla neutralizzazione della sinistra in Brasile sotto la bandiera di una presunta lotta contro la corruzione.

 

"Il 6 e 7 settembre dell'anno scorso, l'FBI ha offerto formazione nella lotta contro la corruzione e la concussione transnazionale con agenti della Procura della Confederazione (MPF) e del Servizio delle entrate interne dell'Unione, come rivelato in un rapporto dell'agenzia pubblica”, pubblica il portale brasiliano.

 

Ricordiamo che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha reso possibile la guerra in outsourcing contro il Venezuela a marzo con un approccio simile diretto a criminalizzare Nicolás Maduro e altri funzionari venezuelani di alto livello, accusandoli di crimini legati al traffico di droga.

 

L'altro evento è stato la partecipazione del Brasile all'attivazione dei meccanismi del Trattato Interamericano di Assistenza Reciproca (TIAR) contro il Venezuela, insieme ad altri 11 paesi membri del Consiglio permanente dell'Organizzazione degli Stati Americani (OAS), tra cui Colombia e Stati Uniti, l’11 settembre 2019.

 

Quel giorno sono state concordate sanzioni al governo venezuelano con l'accusa di "reati di riciclaggio di denaro e traffico di droga. Oltre a condividere informazioni dall'intelligence militare e finanziaria, hanno anche creato una rete di cooperazione legale per combattere i presunti crimini internazionali del governo bolivariano”, afferma l'articolo di Brasil de Fato, scritto da Michele De Mello.

 

Mentre questo stava avvenendo nel campo visibile della guerra, l’anti-chavismo di Miami, in Florida, concluse segretamente gli accordi con Silvercorp per armare l'incursione in Venezuela, che furono infine sigliati in un documento il 16 ottobre 2019 di Juan Guaidó, JJ Rendón, Sergio Vergara e Jordan Goudreau, proprietario della società reclutatrice dei mercenari.

 

L'agenda anti-chavista dell'anno 2020 è iniziata in Colombia con la terza conferenza ministeriale emisferica per la lotta al terrorismo, che ha portato alla falsa accusa contro il governo venezuelano di sponsorizzare Hezbollah e le FARC, organizzazioni politiche che gli Stati Uniti hanno dichiarato come "terroriste” . L'evento è stato guidato dal segretario di Stato, Mike Pompeo, e ha aperto il tour internazionale di Guaidó per coordinarsi con gli attori in Europa e la Casa Bianca, le prossime azioni irregolari in Venezuela.

"Nella dichiarazione finale, è stato concordato (...) di rinnovare il proprio impegno a rafforzare il controllo delle frontiere attraverso la formazione di squadre congiunte, comprese squadre investigative e informazioni finanziarie, per individuare, rintracciare, recuperare e sequestrare i beni delle organizzazioni ritenute criminali nella loro giurisdizioni".

 

Una settimana dopo, la Colombia e gli Stati Uniti avrebbero condotto esercitazioni militari presso la base militare statunitense a Tolemaida, dove membri delle forze militari brasiliane avrebbero partecipato come osservatori.

 

Il 5 marzo, nel mese in cui l'operazione Gedeone avrebbe dovuto essere eseguita secondo le confessioni delle persone coinvolte, viene annunciato il ritiro di due diplomatici dall'ambasciata brasiliana in Venezuela, una decisione presa da Bolsonaro in sostegno del fasullo autoproclamato Guaidó.

 

Non ha potuto realizzare lo stessa cosa a livello interno. Quando ha deciso di espellere il corpo consolare venezuelano in Brasile, la Corte Suprema Federale ha sospeso l'ordine.

 

Questo disaccordo tra i poteri dello Stato fa parte della crisi politica che sta attraversando il presidente brasiliano, esacerbata dalla gestione irregolare e irresponsabile della pandemia che ha portato il paese continentale al terzo posto nel mondo con il maggior numero di casi di Covid-19, con uno dei più alti tassi di mortalità.

 

Sebbene le intenzioni dei gruppi politici legati a Jair Bolsonaro nel suo paese fossero in sintonia con le opinioni della Casa Bianca, le cospirazioni contro il Venezuela avrebbero trovato un muro nel corpo militare.

 

Non solo perché, a livello delle relazioni militari, Venezuela e Brasile hanno tenuto riunioni lontane dall'ostilità di Bolsonaro o che le forze armate brasiliane si sono rifiutate di sostenere un'invasione militare nordamericana contro il Venezuela.

 

Come accennato in precedenza, il disastroso panorama sanitario nel territorio brasiliano ha messo le istituzioni contro le decisioni del presidente in modo più deciso. Parte della leadership militare e il vicepresidente brasiliano, il generale in pensione Hamilton Mourao, stanno segnando le distanze da quella crisi.

 

L'esercito brasiliano difficilmente si inchinerebbe a un'incursione armata, poiché la dottrina militare brasiliana non corrisponde all'attivazione di conflitti di questa portata che potrebbero mettere a rischio la sovranità del Brasile.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa