Julian Assange propone a Re Carlo di visitare "i suoi fedeli sudditi" nella prigione di Belmarsh

Julian Assange propone a Re Carlo di visitare "i suoi fedeli sudditi" nella prigione di Belmarsh

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Julian Assange ha pubblicato, ieri, una lettera  invitando il monarca britannico, Carlo III, a fargli visita in prigione. "All'incoronazione del mio signore, ho ritenuto opportuno estendervi un cordiale invito a commemorare questa importante occasione visitando il vostro regno all'interno di un regno: la prigione di Sua Maestà a Belmarsh", inizia così la sua lettera il fondatore di WikiLeaks.

"È qui che sono detenuti 687 dei suoi fedeli sudditi, confermando il primato del Regno Unito come nazione con la più grande popolazione carceraria dell'Europa occidentale", osserva Assange. "Come prigioniero politico, detenuto per volontà di Sua Maestà per conto di un imbarazzato sovrano straniero, sono onorato di risiedere tra le mura di questa istituzione di livello mondiale", aggiunge sarcastico.

Il giornalista australiano ha invitato Carlo III a provare le "delizie culinarie" offerte in carcere, realizzate "con un generoso budget di due sterline al giorno". "Assaggi le teste di tonno miste e le onnipresenti forme ricostituite presumibilmente fatte di pollo", prosegue Assange, che nella lettera parla anche del dubbio uso di droghe e persino del suicidio di un amico gay che era in attesa di essere deportato in Brasile.

Inoltre, "qui ti stupirai delle regole sensate pensate per la sicurezza di tutti, come il divieto di giocare a scacchi, pur consentendo il gioco molto meno pericoloso della dama". "E se venisse in primavera, potreste persino intravedere gli anatroccoli deposti dai germani canaglia all'interno del terreno della prigione.  Ma non tardare, perché i topi famelici si assicurano che le loro vite siano di breve durata", continua Assange .

"Ti imploro, re Carlo, di visitare la prigione di Sua Maestà a Belmarsh, poiché è un onore degno di un re. Mentre ti imbarchi nel tuo regno, ricorda sempre le parole della Bibbia di Re Giacomo: 'Beati i misericordiosi, perché otterranno la misericordia" (Matteo 5:7). E possa la misericordia essere la luce guida del suo regno, sia dentro che fuori le mura di Belmarsh".

Il caso Assange

Julian Assange è detenuto dall'aprile 2019 nel carcere di massima sicurezza britannico di Belmarsh, dopo che l'allora presidente dell'Ecuador, Lenín Moreno, ne aveva consentito l'arresto presso l'ambasciata ecuadoriana a Londra, dove era rimasto in condizione di asilo per sette anni , da giugno 2012.

Assange è accusato negli Usa per la pubblicazione di centinaia di migliaia di pagine di documenti militari segreti e cablogrammi diplomatici riservati sulle attività del Paese nordamericano nelle guerre in Iraq e in Afghanistan, che sono stati diffusi dal suo portale WikiLeaks. Rischia 175 anni di carcere.

Nel giugno 2022, la giustizia britannica ha approvato la sua estradizione negli Stati Uniti, decisione che è stata convalidata dal governo del Regno Unito. Il provvedimento, per il momento, non è stato finalizzato a causa del ricorso presentato da Assange, tra le richieste di giustizia da parte della comunità internazionale e favorevoli alla sua liberazione.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti