Kazakistan. Pechino sta veramente con "la repressione" (come titola Repubblica)?

Kazakistan. Pechino sta veramente con "la repressione" (come titola Repubblica)?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

“Pechino è con la repressione. ‘No a Rivoluzioni colorate’. Con quest’articolo di tal Gianluca Modolo, Repubblica si conferma ancora una volta il principale organo di propaganda della Nato. Si scrive Repubblica, si legge chiaramente tutto l’impianto monopolista dell’informazione in mano al gruppo Fiat.

Ad essere onesti è il titolo, più dell’articolo, a rappresentare la linea editoriale della famiglia Elkann. Perché alla fine il buon Modolo deve riconoscere, anche se indirettamente e non scrivendolo apertamente, come la politica estera di Pechino sia basata su quei principi che ogni Paese dovrebbe seguire e che invece vengono ogni giorno infranti dai paesi membri della Nato: il Rispetto del Diritto internazionale, in particolare.

Per attaccare Pechino in merito alle vicende kazache, il buon Modolo sottolinea due aspetti. Il primo riguarda il sostegno alla stabilità del Kazakistan contro le "rivoluzioni colorate". La Cina sa bene che queste proteste come sottolineato dall'analista Yang Jin, prima pianificate, nulla hanno a che vedere con il benessere di un popolo, pur partendo da rimostranze legittime, come il caso dell'aumento delle bollette del gas in Kazakistan. Dalle sedicenti "primavere arabe", con la distruzione di Libia, Siria, Yemen fino all'Ucraina, i disastri che si sono susseguiti sono ancora sotto gli occhi di tutti. Senza contare, che la faccenda dell'Afghanistan, anche se sparita dai riflettori dei media, emergerà in tutte le sue contraddizioni e sarà una sfida per Pechino, come stato confinante.

Il secondo riguarda la politica cinese, sempre rispetto al Kazakistan, sul suo bisogno energetico.

Sarebbe un delitto per un potenza economica mondiale cercare accordi con altri stati, che sia il Kazakistan, le monarchie del Golfo per i suoi bisogni energetici, utili sia per la sua economia che per il fabbisogno di una popolazione di 1 miliardo e 400 milioni di abitanti? O fare come gli europei che per essere fedeli ai diktat della NATO stiamo sabotando il progetto del gasdotto North Stream 2 con le tariffe che aumentano e il gas che scarseggia?

L’operazione di Repubblica, soprattutto attraverso il Titolo, è chiara:  rafforzare nei confronti dell'opinione pubblica l'odio verso la Cina. Pechino da 2 anni è associato a tutti i mali del mondo: la pandemia da Covid-19, il “genocidio” uigura, “repressione” delle manifestazioni a Hong Kong…

Quello che è ormai certo, alla luce anche delle vicende ucraine, è che la situazione sarà sempre più critica per chi continuerà a basare la propria politica estera nel rispetto del Diritto internazionale. Una domanda dobbiamo iniziare a porci tutti: quanto durerà la pazienza di due potenze nucleari? Fino a quando Russia e Cina, per fare solo une esempio, resteranno a guardare di fonte alle provocazioni della NATO in Ucraina ed a Taiwan?  

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti