I media alla guerra/La bufala del "Coronavirus creato in laboratorio dai cinesi" arri...

La bufala del "Coronavirus creato in laboratorio dai cinesi" arriva in Parlamento europeo

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


 
Di certo l’Unione europea non è nuova a queste follie, basti pensare al sobrio Jean-Claude Juncker, allora Presidente della Commissione europea, il quale annunciava al Parlamento europeo che i "dirigenti di altri pianeti sono preoccupati per l'Europa”; ma l’iniziativa di Fabio Massimo Castaldo, europarlamentare Cinque Stelle e Vicepresidente del Parlamento europeo lascia sbigottiti.

 
Ci riferiamo al suo annuncio  (vedi sotto) di una interrogazione (“La Cina dia immediate spiegazioni”) sul Coronavirus sfuggito per un incidente dal laboratorio P4  di Wuhan “collegato al programma di armi biologiche segrete della Cina” (...) “…Notizia che gira anche, da alcune ore, sui profili Twitter di dissidenti cinesi e attivisti dei diritti umani.”

 
 
Una bufala talmente smaccata da essere stata raccolta in Italia solo da Paolo Liguori, direttore di TG-COM e da giorni smascherata da più parti, anche a seguito della ritrattazione di tale Dany Shoham, presunto ex ufficiale dei servizi israeliani che l’aveva diffusa su un iperscreditato sito.
 

Bufala talmente smaccata che, finora, non era riuscita a trovar posto nella campagna mediatica - alimentata da questa ennesima Arma di Distrazione di Massa del Coronavirus - contro la Cina. Bufala che ora trova un posto di rilievo grazie a Fabio Massimo Castaldo.
 

Francesco Santoianni
 
 
Su questo argomento:
 
Coronavirus e psicosi di massa contro la Cina
Le sei cose che non ti dicono sul Coronavirus
 
 
Testo del post Facebook di Fabio Massimo Castaldo (vedi anche screenshoot)
 
PRESENTERÒ UN'INTERROGAZIONE IN PARLAMENTO!
Stasera voglio parlarvi, in maniera seria e puntuale, dell'epidemia relativa al BetaCoronavirus.
Ovviamente, dobbiamo utilizzare molta precauzione nell'affrontare l'argomento, ma la notizia che arriva oggi dalla Cina, se fosse confermata, avrebbe del clamoroso: secondo Dani Shoham, ex ufficiale dell'intelligence militare israeliana ed esperto in armi biologiche, il betacoronavirus potrebbe essere nato in laboratorio.
La notizia gira anche, da alcune ore, sui profili Twitter di dissidenti cinesi e attivisti dei diritti umani: il virus che si sta diffondendo a livello globale, contagiando centinaia di persone, potrebbe aver avuto origine in un laboratorio di Wuhan collegato al programma di armi biologiche segrete della Cina.
In questo laboratorio, secondo l’opinione di Shoham, verrebbe portato avanti un programma segreto collegato alle armi batteriologiche, all’interno del quale sarebbero stati creati virus e batteri pericolosi e aggressivi. In tal senso, anche secondo questo esperto, potrebbe esserci stata una contaminazione accidentale, di un tecnico o di uno scienziato, che potrebbe aver poi portato all’epidemia.
È chiaro che questa vicenda vada chiarita in ogni suo aspetto: intendo presentare, nel più breve tempo possibile, un’interrogazione parlamentare per chiedere un impegno dell’UE, nei confronti delle autorità cinesi, per conoscere a fondo la realtà dei fatti.
L’Unione Europea deve incalzare il governo cinese sull’esistenza di laboratori di questo tipo, e su una corretta informazione riguarda il numero dei contagi del virus e delle vittime.
Ci sono attualmente 8 casi di contagio in Europa, tra Francia e Germania, e per questo non possiamo permetterci una mancanza di trasparenza e di correttezza: quando sono in gioco delle vite umane i cittadini meritano di conoscere la verità, sempre.

 


 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa