/ La casta che non fa mai notizia in Italia: un aumento di stipendi...

La casta che non fa mai notizia in Italia: un aumento di stipendio del 3,3% per i burocrati dell'Ue

 

 Nonostante i tagli in tutto il continente, Bruxelles ha stanziato 18 milioni di euro per dare ai burocrati dell'UE un aumento di stipendio del 3,3 %, retroattivo a luglio, in tempo per la loro busta paga di dicembre.

Jean-Claude Juncker, il presidente della Commissione europea, riceverà un aumento di stipendio di € 15.543 nel corso del prossimo anno, tra cui € 5,200 di retribuzione arretrata.

 Il leader ad interim dell'Ukip Nigel Farage ha condannato la decisione, che arriva in un momento in cui in tutta Europa si stringe la cinghia.

 "Un altro grasso aumento di stipendio per Juncker e i suoi amici eurocrati a Bruxelles L'UE è il contrario di una meritocrazia quando le persone vengono premiati per il fallimento.

 Un portavoce della Commissione europea ha detto che l'aumento di stipendio è stato deciso con una 'formula automatica' concordata dai deputati e gli Stati membri dell'UE.


"La Commissione non svolge alcun ruolo quando si tratta di aggiornamenti di stipendio annuali automatici per il personale dell'UE".

 "Il Parlamento e il Consiglio hanno convenuto che gli stipendi dei funzionari europei dovrebbero seguire la traiettoria del potere d'acquisto dei dipendenti pubblici in tutti gli Stati Uniti.

"Eurostat ha stabilito che, nel periodo dal 1 ° luglio 2015 e il 1° Luglio, 2016, gli stipendi dei dipendenti pubblici nazionali sono aumentate dell'1,9 per cento in media.  "Allo stesso tempo, l'inflazione in Belgio e Lussemburgo è stata dell'1,4 per cento. Nel loro insieme, questo porta ad un aggiornamento automatico del salario +3,3 per cento."

L'anno scorso, i funzionari di Bruxelles hanno ricevuto un aumento del 2,4% dello stipendio poco prima di Natale, che è stato anche retrodatato sei mesi"
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa