/ "La Cina motivo del ritiro degli Stati Uniti dalla Siria e dall'A...

"La Cina motivo del ritiro degli Stati Uniti dalla Siria e dall'Afghanistan"

 

L'obiettivo del presidente degli Stati Uniti dopo il ritiro delle sue truppe dalla Siria e dall'Afghanistan è concentrarsi sulla minaccia rappresentata dalla Cina, secondo un ex consigliere di Trump.


"(Il presidente degli Stati Uniti Donald) Trump cerca di concentrarsi sulla concorrenza economica e geopolitica con la Cina ponendo fine a queste campagne militari. Trump ritiene che la Cina sia la più grande minaccia per gli Stati Uniti ", ha ribadito l'ex- consigliere della Casa Bianca Steve Bannon.
 
Nella sua analisi, citata ieri dal quotidiano statunitense 'The New York Times' (NYT), spiega che la decisione del magnate di New York non significa un ritorno all'isolazionismo, ma è lontano dalla mentalità delle missioni umanitari internazionaliste.
 
Bannon ha proseguito spiegando che il sistema politico statunitense ha resistito a questa decisione che Trump aveva in mente, fino alla fine, finché lui stesso ha attuato. "Non è bello, ma almeno è stato fatto", ha detto Bannon, che ha affrontato i generali USA sulla presenza degli Stati Uniti. in Afghanistan, quando ha servito come capo stratega di Trump nel 2017.
 
Alcuni analisti e teorici nordamericani ritengono che la misura potrebbe essere un'opportunità per gli Stati Uniti anche di ritirarsi da un altro conflitto.
A loro parere, l'annuncio costringerà gli Stati Uniti a ripensare agli impegni militari a lungo termine che hanno scarso sostegno dell'opinione pubblica e non sono più efficaci.
 
Tuttavia, la decisione di Trump ha sollevato critiche da diverse autorità statunitensi. Il senatore Lindsey Graham ha avvertito che la fine della presenza militare statunitense può significare una "vittoria" per l'Iran, la Russia e il presidente siriano Bashar al-Assad.
 
Ha anche causato le dimissioni dell'inviato speciale degli Stati Uniti. per la cosiddetta coalizione anti-ISIS, Brett McGurk, e secondo i media locali, le dimissioni del Segretario di Stato uscente, James Mattis, per le discrepanze di fronte a questa decisione inaspettata.
 
Fonte: The New York Times
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa