La Cina prende ad esempio il modello italiano della Riforma Anselmi

La Cina prende ad esempio il modello italiano della Riforma Anselmi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

E' iniziata stanotte in Cina l'Assemblea del Popolo che deciderà sulla politica economica per i prossimi 15 anni, assieme alla discussione del Piano Quinquennale. Questa notte ha tenuto il discorso Li Keqiang, che ha evidenziato i punti programmatici. Lotta al Covid, taglio delle tasse, lotta ai monopoli fintech, ma soprattutto un punto programmatico che potrebbe avere effetti dirompenti sul mercato mondiale, vale a dire la costruzione di un sistema universale sanitario assieme al rilancio della medicina tradizionale cinese. Dunque, dopo reflazione salariale, costruzione di decine di milioni di alloggi popolari, riforma dell'hukoi, ora è la volta, prendendo come esempio il modello italiano della Riforma Anselmi, della sanità universale, finora costosa. Con ciò la Cina gioca sul tasso di risparmio precauzionale, appunto risparmi per sanità, per favorire la doppia circolazione e il decollo del mercato interno mediante servizi e consumi. Salario sociale che permette al proletariato di godere finalmente e in pieno della ricchezza da esso prodotta, nel mentre nei paesi occidentali viene smantellato. Gli Usa negano la reflazione salariale ma in compenso spenderanno soldi per aumentare la catena del valore del proprio apparato industriale e per infrastrutture (condizioni generali della produzione secondo Marx), una politica economica che la Cina ha fatto precedentemente e che ora si focalizza sul salario sociale come meccanismo di accumulazione, proprio come disse a novembre l'ex Segretario al Tesoro Lawrence Summers. L'Europa non fa né l'uno nè l'altro, anzi il welfare lo smantella e quanto alle condizioni generali della produzione nemmeno a parlarne. Rimane una sfida Usa Cina, che utilizzeranno le armi di una politica fiscale fortemente espansiva, la prima per infrastutturare l'apparato industriale, visto che è dietro la Cina, la seconda giocando con il salario sociale. In ultimo, tra i punti vi è il pareggio delle partite correnti cinesi, ciò significa che le importazioni aumenteranno considerevolmente, trascinando il mercato mondiale.

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Nato a Crotone, laureato in Scienze Politiche. Sposato con Stefania, ha due figli, David e Dario. È impiegato alla Regione Calabria. Autore di "Piano contro mercato. Per un salario sociale di classe" (L.A.D., 2020)
 

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti