World Affairs/La Cina riflette sullo sviluppo delle regioni occidentali per met...

La Cina riflette sullo sviluppo delle regioni occidentali per mettere in sicurezza l'economia

 


Global Times
 

Dato che alcuni paesi hanno suonato il tamburo dell'anti-globalizzazione nel mezzo della pandemia, alcuni politici potrebbero cogliere l'occasione per interrompere la catena industriale e di approvvigionamento globale. Per rafforzare lo sviluppo delle sue regioni occidentali in tali circostanze, la Cina potrebbe espandere ulteriormente il proprio mercato interno e garantire la sicurezza economica attraverso la ristrutturazione interna delle catene industriali.

 

La Cina ha recentemente pubblicato le linee guida per promuovere lo sviluppo delle sue regioni occidentali per promuovere uno sviluppo regionale coordinato. Sullo sfondo della sempre più complessa economia globale, che potrebbe generare slancio per dare impulso alle economie sia nazionali che globali.

 

Le imprese di esportazione nelle regioni orientali della Cina sono state colpite dalla ricaduta della pandemia, mentre le province e le regioni occidentali, al contrario, hanno mostrato una forte resilienza e hanno registrato una crescita del PIL superiore al livello nazionale nel primo trimestre.

 

Il PIL della Cina occidentale è cresciuto a 18,4 trilioni di yuan ($ 2,6 trilioni di dollari) nel 2018 da 1,67 trilioni di yuan quando è stata avviata la strategia di sviluppo occidentale nel 1999. Le regioni occidentali della Cina includono la regione autonoma del Tibet della Cina sud-occidentale e le province di Guizhou, Yunnan e Sichuan - tutte che stanno raggiungendo una crescita rapida con la costruzione di importanti infrastrutture. Lo squilibrio tra le regioni orientali e occidentali della Cina è stato attenuato e le regioni occidentali stanno entrando in una fase di miglioramento della crescita da alta velocità a alta qualità.

 

La campagna di sviluppo occidentale, a breve termine, può offrire un appoggio favorevole agli attuali compiti della Cina di stabilizzare l'occupazione e il mercato del Paese, tra gli altri. A lungo termine, offre anche un nuovo punto di crescita per l'economia cinese nel complesso contesto economico globale a seguito dello scoppio di COVID-19.

 

Lo sviluppo delle regioni occidentali della Cina può pesare maggiormente sulla creazione e sull'acquisizione di parti delle catene industriali e di approvvigionamento delle regioni orientali. Con i vantaggi delle solide catene industriali cinesi e dei settori industriali completi, il trasferimento da est a ovest potrebbe basarsi sulla coltivazione globale delle catene industriali piuttosto che sul trasferimento di qualsiasi singola impresa.

 

Inoltre, è essenziale che le regioni occidentali migliorino il loro ambiente di lavoro e ne espandano l'apertura. La promozione della Belt and Road Initiative ha offerto una grande opportunità per l'apertura, nonché per i treni merci Cina-Europa e il miglioramento delle relazioni di cooperazione tra la Cina e l'Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN). La strategia di sviluppo occidentale recentemente potenziata non solo stimolerà la domanda interna, ma porterà anche a maggiori investimenti esteri.

 

Le regioni occidentali dovrebbero accelerare la costruzione di infrastrutture pubbliche e servizi di base per raggiungere l'est del paese, il che porterebbe un grande slancio sociale ed economico.

 

Va sottolineato che la protezione ecologica naturale sarà ancora un compito importante durante lo sviluppo, poiché le regioni occidentali della Cina coprono una vasta area con ricche strutture geografiche che sono beni preziosi per la Cina e sono state ben protette durante lo sviluppo precedente.

 

Le regioni occidentali potrebbero trasformarsi in un nuovo polo di crescita economica, una nuova spina dorsale dell'espansione del mercato interno cinese e contribuiranno anche a promuovere le economie nazionali e globali.



(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa