La Grecia acquista i caccia F-35 destinati alla Turchia. Gli alfieri dell'austerità non hanno nulla da obiettare?

La Grecia acquista i caccia F-35 destinati alla Turchia. Gli alfieri dell'austerità non hanno nulla da obiettare?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Gli Stati Uniti hanno approvato la vendita di caccia stealth F-35 di quinta generazione alla Grecia, molti dei quali originariamente destinati alla Turchia, secondo quanto riportato da Greek City Times.

 

La Grecia acquisterà sei dei 20 aerei da guerra nel 2022, insieme a sei caccia da combattimento Rafale di fabbricazione francese, afferma il sito di notizie, citando il quotidiano in lingua greca Estia.



 

Sei degli F-35 erano originariamente destinati alla Turchia, ma ora saranno decorati con i colori nazionali blu e bianchi della Grecia, ha affermato il quotidiano ellenico.

 

Turchia e Stati Uniti sono ai ferri corti da quando Ankara ha deciso di acquistare il sistema di difesa missilistica S-400 prodotto dalla Russia. Gli USA per ritorsione hanno escluso la Turchia dal programma F-35 e minacciato di imporre sanzioni. L’esclusione dal programma è andata avanti nonostante la Turchia avesse già pagato un primo numero di caccia e i suoi piloti avessero già ricevuto addestramento al pilotaggio dei caccia stealth negli Stati Uniti. 

 

Inoltre la Turchia è un importante produttore di alcune parti essenziali della fusoliera del caccia fiore all’occhiello dell’aviazione militare statunitense. 

 

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha però dichiarato che il suo paese ha testato i sistemi russi S-400, pomo delle discordia con gli USA che li ritengono incompatibili con i sistemi NATO e pericolosi proprio per i caccia stealth F-35, e intende andare per la propria strada con l’implementazione del sistema di difesa russo nonostante le pressioni statunitensi. Washington ha quindi minacciato ulteriori rappresaglie economiche e politiche per l'acquisto degli S-400 da parte di Ankara. 

 

L'accordo della Grecia per prendere in consegna gli F-35 arriva durante una situazione di stallo politico e militare con la Turchia sulle rivendicazioni territoriali nel Mediterraneo orientale.

 

Infine, risulta interessante notare come la Grecia abbia possibilità di spendere cifre considerevoli per armarsi quando pochi anni fa è stata costretta a tagli draconiani nelle politiche sociali in ossequio alle politiche di austerità imposte al paese dalla cosiddetta Troika. Evidentemente per gli alfieri del neoliberismo duro e puro inaccettabili sono solo le spese in ambito sociale, non quelle che vanno ad ingrassare l’industria della guerra. 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta" di Giorgio Cremaschi Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti