/ "La guerra pace": il "doppio pensiero" NATO e cosa ha in comune...

"La guerra pace": il "doppio pensiero" NATO e cosa ha in comune con l'Impero Romano

 

Il giornalista John Wight ha analizzato le intenzioni della NATO nel momento in cui cerca una risoluzione pacifica in Libia.


L'appello per la fine delle ostilità in Libia, formulato lunedì scorso dal Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, è l'equivalente di un incendiario che esorta nel momento in cui la casa si è ridotta in cenere a smettere di fumare, ha dichiarato il giornalista e analista internazionale John Wight.
 
"Può essere solo un eccesso di umorismo nero o amnesia intenzionale, da parte di Stoltenberg, che spiega il suo perverso invito a concludere questo conflitto concreto in questo particolare paese, otto anni dopo [la Libia] ha ricevuto una visita prolungata da un Alleanza militare occidentale che attualmente presiede", ha scritto Wight in un articolo per RT.
 
Ha ricordato che nel 2010 la Libia era uguale ai paesi sviluppati nell'indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite e in termini di mortalità infantile, longevità, accesso all'istruzione e diritti delle donne. "Ora è il luogo dove regnano la morte e la discordia e dove prosperano i mercati degli schiavi", ha sottolineato.
 
Di fronte a queste conseguenze dell'invasione della Libia da parte della NATO nel 2011, ha sostenuto, l'appello di Stoltenberg per una risoluzione pacifica nel paese arabo suggerisce che all'ingresso del quartier generale della NATO a Bruxelles (Belgio), in un "luogo di onore ", dovrebbe essere citato il mantra orwelliano:" La guerra è pace, la libertà è schiavitù."
 
Il giornalista sottolinea che questo famoso slogan, che nel romanzo '1984' lo Stato usa per inculcare 'doppio pensiero' nei suoi cittadini, corrisponde a ciò che la NATO ha fatto dopo la disintegrazione dell'Unione Sovietica: "cerca significati e applicabilità , cioè, opportunità per lanciare i suoi missili e le bombe democratiche."
 
Questo processo continua a coinvolgere gli  ideologi nei media, laboratori di idee neoconservatrici e governi che non risparmiano sforzi per convincere la gente, in Europa e negli Stati Uniti, che senza una NATO che protegga le mura della civiltà occidentale, i barbari del nord, Sud, Est e Ovest arriveranno e distruggeranno tutto ciò che vogliono.
 
Wight ha dichiarato che ora "il loro obiettivo è di infondere la convinzione che Russia, Iran, Cina, Corea del Nord e Venezuela siano nemici e minacce per la sicurezza".
 
Allo stesso tempo, ha sottolineato, sarà molto difficile convincere un membro dei "Gilet gialli", che hanno protestato contro la politica di Emmanuel Macron per sei mesi, che ciò di cui hanno bisogno è che la NATO li protegga contro la Russia.
 
L'opposto, ha spiegato Wight, la violenza usata dai servizi di sicurezza Macron contro le migliaia di manifestanti nelle strade di Parigi e in altre città, è già una solida base per l'intervento della NATO, oltre al pretesto di proteggere i manifestanti civili contro il governo, utilizzato nell'intervento in Libia.
 
"Allora, la NATO, cosa sta aspettando?"
 
Riferendosi alle esercitazioni militari di 9.000 soldati della NATO in Estonia, Wight le ha definite "vergogna diabolica", data la glorificazione degli estoni che combatterono sotto lo stendardo delle SS durante la seconda guerra mondiale e la posizione delle manovre a a 15 chilometri dal confine russo, un paese "il cui popolo ha fatto più di ogni altro per sconfiggere il progetto genocida di Hitler in Europa, sette decenni fa".
 
Inoltre, "il record di provocazioni, intimidazioni e aggressioni della NATO contraddice le sue affermazioni soprannaturali e sciocche di se stessa come un'alleanza dedicata, secondo la sua stessa rete, ai valori democratici e alla risoluzione pacifica dei conflitti".
 
"Non c'è nulla di democratico nei mercati degli schiavi, né nulla di pacifico nelle esercitazioni militari al confine con la Russia, legittimando così la storica animosità anti-russa e le tendenze fasciste che esistono negli Stati che fungono da burattini per l'egemonia occidentale", ha sottolineato il giornalista
 
Ha descritto l'esistenza della NATO, quindi, come un "ostacolo alla pace, alla giustizia, alla stabilità globale e al progresso umano" e l'ha paragonata all'impero romano, citando il principale economista del XX secolo Joseph Schumpeter: "Non c'era un angolo del mondo conosciuto dove non fosse stato dichiarato alcun interesse in pericolo di attacco ...
Il mondo intero era tormentato da una moltitudine di nemici, ed era chiaramente il dovere di Roma di proteggersi contro le sue intenzioni indubbiamente aggressive. Erano nemici che solo si aspettavano solo di attaccare il popolo romano."
 
Fonte: Rt - Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa