/ La Lega araba definisce Hezbollah "terrorista" e denuncia le poli...

La Lega araba definisce Hezbollah "terrorista" e denuncia le politiche di 'aggressione' dell'Iran

 

La Lega araba continua nel suo declino vergognoso, dominata dai voleri dell'Arabia Saudita.


Il comunicato finale dell'incontro straordinario della Lega Araba al Cairo, tenutosi ieri su richiesta di Ryad, non ha sorpreso i libanesi. I ministri arabi hanno descritto il partito della resistenza libanese, Hezbollah, come "terrorista".
 
Solo il Libano e l'Iraq hanno formulato riserve e non hanno appoggiato i punti del comunicato della Lega araba su Hezbollah.
 
Il tono della dichiarazione finale, sembra, comunque, inferiore alle aspettative saudite. Secondo fonti egiziane, citate dal quotidiano Al akhbar libanese, e citate da 'Al Manar', il ministro degli esteri saudita voleva sospendere l'adesione Libano alla Lega Araba e ha chiesto il ritiro dal governo di Hezbollah o almeno la condanna del governo libanese per gli "atti terroristici di Hezbollah ". E perfinire: "Il Cairo ha rifiutato l'esclusione di qualsiasi partito libanese e sanzioni contro il popolo libanese per la scelta dei suoi rappresentanti".
 
In questo contesto, il capo della diplomazia libanese, Gebran Bassil, ha condotto diversi negoziati al fine di evitare la condanna del governo libanese.
 
La Lega denuncia la palese aggressione dell'Iran
 
Per quanto riguarda l'Iran, i ministri sauditi e del Bahrein hanno tenuto discorsi duri, accusando Teheran di destabilizzare la regione.
 
In una dichiarazione finale alla fine dell'incontro, la Lega Araba ha condannato il "fuoco missilistico balistico iraniano fatto dallo Yemen" e ha denunciato la "sfacciata aggressione".
 
Il 4 novembre scorso, l'esercito saudita ha detto di aver intercettato, diretto agli aeroporti di Riyadh, un missile sparato dai combattenti yemeniti di Ansarollah in risposta alle stragi sauditi contro il popolo yemenita. Le autorità saudite affermano che questo missile è di fabbricazione iraniana, fatto Teheran ha negato.
 
La Lega Araba si unisce così alla posizione di Ryad, come ha affermato in precedenza il suo segretario generale Ahmed Aboul Gheit: "le capitali arabe sono nel mirino dei missili balistici di Teheran".
 
Il comunicato finale afferma anche il diritto di Ryad e Manama alla "autodifesa" dei loro territori.

 
Inoltre, si è anche accusato "Hezbollah e la Guardia Rivoluzionaria iraniana di finanziare e addestrare gruppi terroristi in Bahrain" e "fatto assumere ad Hezbollah terrorista, uno dei partner del governo libanese la responsabilità di fornire ai gruppi terroristici in Paesi arabi armi sofisticate e missili balistici.
 
L'Iran, da parte sua, nega di essere all'origine dei problemi nella regione, puntando invece al "ruolo distruttivo" del suo rivale saudita.
 
Il comunicato finale dei ministri degli Esteri arabi ha chiesto anche al con il capo delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, di indagare sulle "violazioni iraniane legate al suo programma di missili balistici e il suo sostegno militare fornito alla milizia terrorista in Yemen ".
 
La dichiarazione ha anche ribadito la sua intenzione di "sospendere i canali televisivi finanziati dall'Iran che trasmettono via satellite nei paesi arabi mentre minacciano la sicurezza regionale."
 
Ryad non resterà a guardare
 
Ieri, l'Arabia Saudita ha avvertito l'Iran che non sarebbe rimasto "a guardare" di fronte alla sua politica "aggressiva" in Medio Oriente.
 
Il ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir ha lanciato un vero e proprio attacco all'Iran e ai suoi "agenti", riferendosi al movimento libanese di Hezbollah e Ansarollah nello Yemen.
 
"L'Arabia Saudita non resterà a guardare contro l'aggressione dell'Iran e non risparmia sforzi per difendere la sicurezza nazionale", ha dichiarato Jubeir in un discorso.
 
"Mantenere il silenzio sull'aggressione iraniana attraverso i suoi agenti nella regione non proteggerà la capitale araba dai missili balistici", ha aggiunto.
 
Hezbollah, una "minaccia"
 
Con un tono altrettanto virulento, lo sceicco Khaled bin Ahmad Al-Khalifa, ministro degli Esteri del Bahrein, alleato di Riyadh, ha sostenuto che il Libano è sotto il "controllo totale" di Hezbollah.
 
"Questo partito terrorista non conduce solo operazioni entro i confini del paese, ma attraversa tutti i confini delle nostre nazioni. È una minaccia per la sicurezza nazionale araba ", ha ribadito.
 
Fonte: Al Manar - CNN
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa