World Affairs/La maggioranza degli statunitensi non sostiene l'escalation della...

La maggioranza degli statunitensi non sostiene l'escalation della tensione con l'Iran

 

Il 52% degli americani crede che l'assassinio del influente generale iraniano Qasem Soleimani abbia danneggiato la sicurezza degli Stati Uniti, secondo un sondaggio ABC News / Ipsos.

 
Il 25% degli intervistati si sente più sicuro dopo l'assassinio del generale iraniano Soleimani; e un altro 22% ritiene che la sua morte abbia avuto scarso effetto sulla sicurezza nazionale.
Il 56% degli americani disapprova la gestione dell'attuale crisi nei rapporti con l'Iran di Donald Trump, rispetto al 43% che sostiene le azioni del presidente.
 
La possibilità che gli Stati Uniti saranno coinvolti in una guerra su larga scala con l'Iran preoccupa "molto" il 32% della popolazione; e "in qualche modo", ad un altro 41%.
 
I 20 e 7% degli intervistati, rispettivamente, affermano che questa prospettiva non li riguarda affatto.
Il sondaggio, con un margine di errore del 4,8% , è stato condotto tra 525 persone il 10 e l'11 gennaio scorso.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa