/ La morte sospetta di James le Mesurier e i segreti dei Caschi Bia...

La morte sospetta di James le Mesurier e i segreti dei Caschi Bianchi

 

Bombardamenti con gas a Douma e Khan Sheikhun. Ricordate? Tutti i media mainstream, nonostante le evidenti incongruenze delle “prove” prodotte dai White Helmets (certosinamente analizzate nel video sotto questo articolo), si rifugiarono nel Rapporto dell’OPAC (l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche delle Nazioni Unite, già Premio Nobel per la Pace) per additare come responsabili l’aviazione di Assad e di Putin.



Oggi, finalmente, un funzionario dell’OPAC rivela che quel “Rapporto” si basava esclusivamente su “prove” (false) consegnate dai White Helmets e su vere e proprie manipolazioni. Ce lo racconta, addirittura Repubblica, oggi con l’imminente della fine della guerra, folgorata sulla strada per Damasco.


Certo, sarebbe stato interessante sapere dai White Helmets perché consegnarono ai funzionari dell’OPAC quelle prove false. Inutile rivolgersi, comunque, a James le Mesurier, fondatore e capo dei White Helmets provvidenzialmente morto proprio in questi giorni in Turchia. Così come sono stati uccisi, oltre ad al Baghdadi, decine di altri capi dell’ISIS in davvero inconsueti raid USA.



Pulizie di fine stagione?

 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa