La nuova bufala di Save The Children: dopo i 'bambini stuprati da Gheddafi' e' il tempo delle 'scuole sotterranee di Aleppo'

La nuova bufala di Save The Children: dopo i 'bambini stuprati da Gheddafi' e' il tempo delle 'scuole sotterranee di Aleppo'

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Si raschia il fondo del barile per impedire che i Siriani e i loro alleati liberino (anche con i bombardamenti) le ultime sacche di Aleppo, da anni occupate da tagliagole che hanno depredato e distrutto quella che era una delle città più floride del Medio Oriente. E sfumata la bufala degli “ospedali pediatrici” bombardati da Assad, ora è la volta delle “scuole sotterranee” di Aleppo distrutte da Assad.


Ce lo garantisce l“organizzazione umanitaria” (tra i suoi sponsor Goldman Sachs e Soros) “Save the Children”: “I bambini di Aleppo sono esposti a un tale livello di pericolo a causa delle cosiddette “bombe terremoto” o bombe anti-bunker che non possono nemmeno frequentare le scuole sotterranee. Ad Aleppo orientale le scuole avrebbero dovuto riaprire per il nuovo anno scolastico, ma rimarranno chiuse a causa del feroce attacco a cui continua ad essere sottoposta la città, privando di un’educazione quasi 100.000 bambini in età scolare, che continuano a rischiare la vita ogni giorno. (…) Solo negli ultimi tre mesi, sette membri del personale e cinque studenti sono stati uccisi nelle scuole (sotterranee, ndr) che sosteniamo ad Aleppo orientale.”



E per attestare questo, le foto. Che ci si aspetterebbe raffigurassero almeno un bidello ferito. E invece no, considerato che le ben tre foto della gallery di immagini a corredo dell’articolo vi mostrano solo: 1) una scalinata piena di calcinacci con una scala in ferro e un barile sforacchiato da proiettili; 2) la stessa scalinata cintata da un muro ricoperto di graffiti; 3) casupole con muri diroccati e, sullo sfondo, un camion. Tutto qui. Un po’ poco per una organizzazione che vanta di far frequentare le proprie scuole di Aleppo est a “migliaia di bambini” e di aver pronto un convoglio umanitario (ovviamente, bloccato dal perfido Assad) per fare entrare ad Aleppo Est “kit scolastici per 54 scuole” (e chissà che altro!)”


Insomma, un’altra bufala di “Save the Children” (che ne vanta di più memorabili, come i bambini stuprati dalle truppe di Gheddafi), Ci sarebbe, quindi, da gettare nella spazzatura il suo comunicato che, invece, viene oggi preso come Vangelo dai media mainstream e anche dagli ineffabili organizzatori della “celebre” Marcia Perugia-Assisi, quest’anno sostanzialmente consacrata allo stop ai bombardamenti “di ospedali e scuole”su Aleppo est.  

Avessero detto , negli anni passati, una sola parola quando decine di migliaia di siriani venivano sgozzati dai “ribelli” al soldo dell’Occidente e delle Petromonarchie.


 

Francesco Santoianni

 

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti