La previsione di Allianz lo conferma: c'è solo povertà nell'euro

La previsione di Allianz lo conferma: c'è solo povertà nell'euro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Continuano i guai per l’Unione Europea. Mentre la propaganda europeista a reti unificate magnifica il Next Generation EU e relativi pacchetti di aiuti, come la panacea a tutti i mali derivanti dalla pandemia, le previsioni dicono tutt’altro. Si prevede che il blocco a 19 nazioni dell'Unione europea subisca una contrazione dell’economia - come segnala il quotidiano inglese Express - essendo stato colpito da continui blocchi negli ultimi mesi. I dati sulla performance per il primo trimestre dovrebbero mostrare una contrazione dell'economia di circa lo 0,8%. La strategia a dir poco pasticciata sulla campagna vaccinale dell'UE e una nuova ondata di infezioni da coronavirus hanno notevolmente frenato l’economia dell’eurozona.

In una previsione separata, il colosso assicurativo tedesco Allianz ha previsto che il PIL dell'Eurozona scenderà dello 0,5% nei primi tre mesi dell'anno rispetto al trimestre precedente.

Quindi una doppia recessione per l’eurozona dopo un calo dello 0,7% registrato nel quarto trimestre dello scorso anno.

La famosa economista Katharina Utermohl, di Allianz, ha dichiarato: "Sembra una doppia recessione nel primo trimestre".

Questo significa nient’altro che che l'economia europea è in ritardo nella corsa globale alla ripresa dopo che il coronavirus ha messo in ginocchio il mondo poco più di un anno fa. Un ritardo che deriva anche dalla sciagurata campagna vaccinale di Bruxelles, incapace finanche di immunizzare tempestivamente i propri cittadini. 

Notizie di altro segno arrivano da altre zone del mondo dove le economie hanno ripreso a correre: gli Stati Uniti hanno registrato una crescita trimestrale dell'1,6% e la Cina ha annunciato di essere tornata a crescere due settimane fa.

L’economista Utermohl prevede una crescita per l’eurozona nel secondo trimestre, ma il capo economista della Banca Centrale Europea Philip Lane ha avvertito che il blocco avrà bisogno di tempo per riprendersi completamente. 

“Ci sarà un rimbalzo  ovviamente - ha spiegato Lane a Dagens Industri - ma questo avviene nel contesto della pandemia che è un enorme shock negativo”.

"Il fatto che stiamo risalendo dal peggio non significa che ci sia un pieno recupero".

Ancora una volta si palesano gli enormi limiti e inadeguatezze di un’Unione Europea che nemmeno in un periodo straordinario, nel bel mezzo di una crisi inedita scatenata dalla pandemia, riesce ad archiviare le scellerate e ottuse politiche neoliberiste che hanno letteralmente devastato gran parte delle economie europee.  

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti