/ La quiete prima della tempesta: un prezzo record dell'oro potreb...

La quiete prima della tempesta: un prezzo record dell'oro potrebbe causare un crollo del dollaro?

 

Una pausa temporanea nel mercato dell'oro potrebbe non essere altro che la quiete prima della tempesta che aumenterà il prezzo del metallo prezioso tre volte verso nuovi massimi storici. Questo cambiamento potrebbe causare un crollo del sistema del dollaro, affermano gli analisti economici


Alcuni partecipanti al mercato delle opzioni in oro prevedono che il prezzo del metallo prezioso aumenterà quasi tre volte in un anno e mezzo.

 
Il 27 novembre scorso, a New York, sono stati venduti 5.000 lotti un'opzione sull'oro che conferisce al titolare il diritto di acquistare il metallo prezioso a $ 4.000 l'oncia nel mese di giugno 2021, ha riferito  Bloomberg.
 
L'ultimo record del prezzo dell'oro di $ 1923,70 l'oncia è stato stabilito nel 2011, quando la Federal Reserve ha acquistato oltre due miliardi di dollari di debito per stimolare l'economia.

 
Se la nuova grande scommessa funziona, sarà un nuovo mondo in cui l'oro costa più di $ 4.000, cioè quasi tre volte il prezzo attuale di meno di $ 1.500 l'oncia .
 
"È possibile che in queste condizioni, il dollaro cessa di essere la valuta principale del mondo. Se qualcuno fa una scommessa così audace sul crollo del sistema del dollaro, significa che c'è un rischio di tale sviluppo della situazione " hanno commentato gli analisti dal giornale Vesti Finance.  
 
Allo stato attuale, molte banche centrali prestano particolare attenzione all'oro. Sempre più paesi cercano di sbarazzarsi della dipendenza dal dollaro e acquistare attivamente il metallo prezioso.
 
La Russia, la Cina e la Turchia sono leader in questo processo e il Kazakistan e l'India hanno aumentato le loro riserve auree , così come alcuni paesi dell'Europa orientale, come la Polonia e l'Ungheria.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa