/ La Russia critica la "vergognosa" gestione dell'OPCW-ONU sull'uso...

La Russia critica la "vergognosa" gestione dell'OPCW-ONU sull'uso di armi chimiche in Siria

 

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov critica la condotta "vergognosa" del meccanismo congiunto ONU-OPCW in Siria sulla raccolta delle prove sugli attacchi chimici.


Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha lamentato il fatto che il meccanismo congiunto OPCW e ONU ha agito in modo "vergognoso", utilizzando i dati forniti da organizzazioni non governative, tra le quali quelle affiliate a gruppi terroristici, piuttosto che inviare i propri ispettori nei luoghi colpiti da attacchi chimici.
 
Si ricorda che il Centro comune di ricerca (MCI) Meccanismo delle Nazioni Unite (ONU) e dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) è responsabile delle indagini sull'attacco con gas sarin perpetrato il 4 aprile scorso presso la città di Khan Sheikhun, nella provincia siriana di Idlib (nord-ovest). La Russia è tra i paesi che respingono i risultati dell'indagine.
 
"Il meccanismo OPCW-ONU ha utilizzato i dati provenienti da organizzazioni non governative, alcuni delle quali sono collegate ai terroristi", ha spiegato oggi il capo della diplomazia russa presso l'Accademia Diplomatica dell'Azerbaijan a Baku.

 
Inoltre, Lavrov ha fatto riferimento ad una soluzione politica al conflitto tra i gruppi siriani e ha sottolineato che il futuro Congresso nazionale di dialogo siriano dovrebbe includere la massima rappresentanza possibile, compresa l'opposizione.
 
"L'elenco dei siriani invitati al Congresso deve essere inclusivo al massimo, devono rappresentare tutti i segmenti della società siriana", ha precisato l'alto diplomatico russo, ed ha quindi ricordato che questo è dettato dalle risoluzioni adottate dal Consiglio di sicurezza del Nazioni Unite (UNSC).
 
Fonte: Hispantv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa