La Russia propone di 'creare 4 zone per diminuire la tensione in Siria'

La Russia propone di 'creare 4 zone per diminuire la tensione in Siria'

La Russia propone la creazione di quattro zone "per ridurre la tensione in Siria", ha riferito ieri, la delegazione dell'opposizione siriana.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"La Federazione russa propone di creare quattro zone di ridotta tensione in Siria nella provincia di Idlib (nord-ovest), a nord della città di Homs (ovest), East Ghouta (alla periferia di Damasco, capitale) e nella Siria meridionale ", secondo il documento presentato da una fonte della delegazione dell'opposizione siriana all'agenzia di stampa russa Sputnik.


 
Si rileva, inoltre, che Mosca propone anche di stabilire le linee di sicurezza lungo i confini di queste aree al fine di impedire lo scambio diretto di fuoco tra le parti in conflitto.
 
Il testo sottolinea la necessità di creare le condizioni per espellere i gruppi terroristici ISIS (Daesh, in arabo) e Al-Nusra (ora chiamato Frente Fath Al-Sham) nelle aree degli scontri con l'aiuto dell'opposizione siriana.
 
Istituire posti di blocco per assicurare il libero passaggio per civili e fornire aiuti umanitari e creare "centri di monitoraggio per monitorare l'osservanza del regime della tregua" ai confini di queste regioni, figurano tra le altre proposte di Mosca.
 
 
 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra