La Russia risponde alle minacce schierando i caccia MiG-31 super veloci

La Russia risponde alle minacce schierando i caccia MiG-31 super veloci

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Russia è decisa a rispondere alle minacce crescenti portate da forze ostili USA e NATO ai propri confini.

A tal proposito gruppi di aerei intercettori superveloci MiG-31 russi (nome in codice NATO Foxhound) sono stati schierati nella regione più orientale della Russia di Chukotka per controllare lo spazio aereo artico, ha detto il comandante della flotta del Pacifico russo Adm. Sergei Avakyants.

"Dal 1° dicembre, gruppi di velivoli MiG-31 dell'aviazione navale della flotta hanno assunto il servizio di combattimento nell'Artico", ha detto il comandante in un'intervista al quotidiano Krasnaya Zvezda.

"Un'infrastruttura pertinente è stata creata all'aeroporto di (centro amministrativo di Chukotka) Anadyr, consentendo alle nostre forze di essere in servizio 24 ore su 24 per la difesa aerea", ha aggiunto.

Il MiG-31 a lungo raggio è stato progettato in Unione Sovietica. Diversi caccia possono controllare uno spazio aereo largo 900 km. Il MiG-31 è sempre stato impegnato per intercettare obiettivi sofisticati. Il suo peso al decollo è di oltre 45 tonnellate. La combinazione di alta velocità, lungo raggio e altitudine ha sviluppato il jet nel vettore del missile ipersonico russo. Il MiG aumenta la portata e la velocità del missile. L'aereo accelera a una velocità specifica, sale e lancia l'arma. Il MiG-31 con indice K (Kinzhal) opera come primo stadio del missile ipersonico Kinzhal e inizia un attacco al di fuori dei densi strati dell'atmosfera ad altitudini di 12.000-15.000 metri. Il missile vola al confine della stratosfera per diminuire la resistenza dell'aria.

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti