La Russia vede l'Africa come un partner chiave nel nuovo mondo multipolare

La Russia vede l'Africa come un partner chiave nel nuovo mondo multipolare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Russia sostiene la partecipazione dell'Africa ai lavori delle principali organizzazioni internazionali ed è pronta ad aiutarla a diventare uno dei partner chiave del nuovo mondo multipolare, ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin durante un incontro con il presidente dell'Unione Africana e dell'Unione delle Comore, Azali Assoumani.

Secondo Putin, Mosca considera l'Unione Africana (UA) "la principale organizzazione regionale che sta plasmando la moderna struttura di sicurezza del continente e creando le condizioni per assicurare all'Africa il posto che le spetta nel sistema dei legami economici globali”. 

In questo contesto ha sottolineato che la Russia sostiene la partecipazione dell'Unione Africana alle principali organizzazioni internazionali e ha osservato che si aspetta che diventi membro del G20 durante il vertice di settembre a Nuova Delhi.

"Come in passato, la Russia è pronta ad aiutare in ogni modo possibile a rafforzare la sovranità degli Stati africani e ad aiutare l'Africa a diventare uno dei partner chiave nel nuovo sistema di ordine mondiale multipolare”. 

Da parte sua, Assoumani ha sottolineato che la Russia è "il partner più importante dell'Africa" e che gli investimenti russi hanno garantito la crescita economica in diversi Paesi africani.

Secondo le sue parole, Mosca "è stata al fianco dell'Africa nell'affrontare tutte le sfide che il continente ha dovuto affrontare". "Siamo profondamente grati per questo”.

L'incontro tra Putin e Assoumani si è svolto nell'ambito del secondo vertice Russia-Africa, in corso di svolgimento nella città russa di San Pietroburgo. All'evento partecipano 49 delegazioni africane e, come nella precedente occasione, si svolge all'insegna del tema "Per la pace, la sicurezza e lo sviluppo". La metà dei Paesi sarà rappresentata da capi di Stato e di governo.

Oltre ad Assoumani, il primo giorno del vertice il presidente russo avrà colloqui con i suoi omologhi di Mozambico, Burundi, Zimbabwe, Uganda ed Eritrea. Incontrerà anche i capi delle organizzazioni regionali africane.

A seguito del vertice, Mosca e i Paesi africani dovrebbero concordare un piano d'azione congiunto fino al 2026, oltre a firmare decine di accordi politici bilaterali e contratti commerciali di rilievo.

Secondo Oleg Ozyrov, ambasciatore generale del Ministero degli Esteri russo, "saranno firmati documenti settoriali sulle questioni della sicurezza informatica, del non dispiegamento di armi nello spazio e della lotta al terrorismo". "Speriamo che questi documenti diventino una seria piattaforma delle nostre azioni congiunte per creare una nuova configurazione delle relazioni internazionali basata sulla cooperazione paritaria, sull'idea di un mondo multipolare e non sui dettami di una delle parti”. 

Bisogna evidenziare che i Paesi africani sono stati sottoposti a "pressioni senza precedenti" da parte dei leader di Stati Uniti, Francia e altri Paesi del blocco occidentale alla vigilia del vertice. Secondo il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, questi sforzi erano volti a "cercare di impedire lo svolgimento di questo vertice, di impedire la rappresentanza degli Stati africani a questo vertice".

Il portavoce russo ha sottolineato che il comportamento dell'Occidente "deve essere condannato". "Di fatto, non consente il diritto sovrano degli Stati africani di scegliere autonomamente i partner per espandere la cooperazione, l'interazione in vari campi e per discutere questioni di attualità", ha concluso.

Tuttavia gli sforzi occidentali hanno dimostrato la forza della Russia e il fallimento della loro strategia. Ossia l’esatto contrario di quel che cercavano. L’agenzia Bloomberg ha scritto che il vertice Russia-Africa è la dimostrazione che l’Occidente non può isolare Mosca. Secondo gli esperti, Putin dimostra che il suo Paese non è isolato, nonostante l'enorme pressione dell'Occidente sul continente nero. La Russia rimane un importante attore internazionale e una grande potenza che gioca un ruolo chiave nella costruzione del nuovo mondo multipolare. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti