La Siria condanna ipocrisia di Gran Bretagna e UE sulla situazione a Daraa

La Siria condanna ipocrisia di Gran Bretagna e UE sulla situazione a Daraa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Siria ha condannato l'incitamento e le campagne ipocrite condotte dal governo britannico e dall'Unione europea sulla situazione nella provincia meridionale di Deraa, si legge, oggi, in una nota una fonte ufficiale del ministero degli Esteri siriano.

Curioso come la comunità internazionale taccia sul crimine della Turchia e dei suoi mercenari che bloccano l'afflusso di acqua potabile ad 1 milione di persone, in piena estate, ad Hasaka, nel nord est della Siria. Mentre a Daraa, sud della Siria, il governo siriano cerca di riportare l'ordine dopo ch ei gruppi armati non hanno rispettato i patti sulla riconciliazione mediati dalla Russia.

A tal proposito, la diplomazia siriano ha definito le campagne occidentali "tentativi infruttuosi di alleviare la pressione sui terroristi a Deraa, che fa parte della ben nota politica anti-siriana e pro-terrorismo della Gran Bretagna e dell'UE."

"La Siria ha ribadito che queste dichiarazioni non sono altro che un tentativo fallito ed esposto di sollevare la pressione sui terroristi a Deraa, e ha ribadito di aver cercato di affrontare la situazione nella regione meridionale attraverso il dialogo e non attraverso scontri che colpiscono persone innocenti. , ma i gruppi terroristici continuano a minare qualsiasi accordo e a rendere infiammabile la situazione nella regione per ordine dei loro operatori”, precisa ancora la dichiarazione del Ministero degli esteri siriano.

Nelle conclusioni, si ribadisce che "la Repubblica Araba Siriana ratifica che tali campagne e false invenzioni non la dissuaderanno dal continuare la sua lotta al terrorismo, liberando i territori, estendendo l'autorità dello Stato in tutte le parti del Paese, e che non ci sarà eccezione in questo settore, non importa quanto forte gridino alcuni paesi."

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia