L'appello di Mario Draghi per gli Eurobond non è realistico

L'appello di Mario Draghi per gli Eurobond non è realistico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Christian Wermke - Handelsblatt

Nella gioia del ritorno dell'America alla sua vecchia partner Europa, una nota a margine del vertice virtuale dell'Ue è passata quasi sottotraccia: il premier italiano Mario Draghi ha messo sul tavolo una richiesta che aveva già avanzato da capo della Banca centrale europea - obbligazioni europee congiunte. Anche se la parola “Eurobond” non compare nei documenti ufficiali del vertice, essi sono esattamente ciò che Draghi vuole.  

Il 73enne vuole che l'euro svolga un ruolo più forte nel mondo, ha detto nella sua conferenza stampa di venerdì, in risposta a una domanda di Handelsblatt. Ma prima che ci siano le obbligazioni in euro, l'Europa dovrebbe concordare un mercato unico dei capitali, un'unione bancaria ed una unione fiscale.  

“Non ci si deve fare illusioni: il viaggio fin lì è lungo e molto difficile”. Innanzitutto, tutti i paesi devono essere convinti dell'utilità dello strumento, di una maggiore integrazione economica e di più potere per l'Eurogruppo. Soprattutto, occorre un impegno politico che “l'Europa vada in questa direzione”.  

Ma anche un tale obbligo è attualmente del tutto irrealistico. Per molti paesi dell'UE, i debiti congiunti sono un drappo rosso e rimarranno tali. Il cancelliere Angela Merkel avrebbe dichiarato nel 2012 che non ci sarebbero stati euro bond “finché sarò viva”. Da allora il di lei atteggiamento non si è ammorbidito. Un anno fa, quando il predecessore di Draghi, Giuseppe Conte, ha rimesso in gioco la questione ribattezzandola “Corona Bonds”, di nuovo Merkel ha categoricamente rifiutato.  

Elevati rischi legali 

Anche se un'obbligazione europea dovesse reggere sui mercati meglio dei singoli titoli dei paesi: i rischi legali sono troppo alti. I trattati dell'UE non prevedono che un paese debba essere responsabile di un altro.  

Anche politicamente, la comunitarizzazione del debito potrebbe portare un massiccio consenso soprattutto agli euroscettici. 

Il Recovery Fund, dotato di 750 miliardi di euro, ha infranto il tabù sui debiti condivisi, ma è stato un caso storico eccezionale. Una risposta solidale nella peggiore crisi della Lega di Stati [Staatenbund]. Draghi, però, vede in questo un precedente: la Commissione Europea ha ampliato le sue opzioni e potrebbe usare questa “via di mezzo” di finanziamento per altre cose in futuro.  

Tuttavia, la mossa del primo ministro italiano arriva in un momento inopportuno. Draghi non dovrebbe ripetere richieste irrealistiche, bensì concentrarsi sulle riforme profonde nel suo paese. Perché sono necessari più urgentemente delle obbligazioni in euro. Con l'aiuto dei miliardi di soldi di Bruxelles, Draghi deve riuscire a rendere l'amministrazione più digitale e snella, la magistratura più veloce ed efficiente e il paese nel suo complesso più sostenibile e moderno. Questo è l'unico modo per attirare nuovi investitori; questo è l'unico modo per rendere di nuovo più competitivo il remoto sud del paese. E soprattutto: questo è l'unico modo per ridurre sul lungo termine l'enorme montagna di debiti.

(Traduzione di Musso)

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti