Lavrov: "Kiev è uno stato fantoccio. Le questioni geopolitiche fondamentali vanno discusse con i suoi padroni"

Lavrov: "Kiev è uno stato fantoccio. Le questioni geopolitiche fondamentali vanno discusse con i suoi padroni"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!




Dal canale Telegram di @laurarhhk
(fonte: RT)

Gli Stati Uniti e i loro alleati non vogliono che il conflitto in Ucraina finisca e le loro presunte iniziative di pace sono solo tentativi di guadagnare tempo a Kiev. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in un'intervista a The International Affairs journal.

Le questioni geopolitiche devono essere discusse "non con il presidente [ucraino] Vladimir Zelensky, che è un burattino nelle mani dell'Occidente, ma direttamente con i suoi padroni", ha dichiarato Lavrov all'inizio dell'anno. Negoziare direttamente con gli americani sarebbe sensato, ha dichiarato Lavrov alla rivista International Affairs, interpellato sull'idea. 

"Il problema, tuttavia, è che gli Stati Uniti non hanno alcuna intenzione di porre fine al conflitto", ha spiegato Lavrov, osservando che "il loro obiettivo ufficialmente dichiarato è quello di infliggere una 'sconfitta strategica' alla Russia". 

Le prospettive di negoziati tra Russia e Occidente "sono inesistenti in questa fase", ha detto Lavrov, mentre gli "sponsor occidentali di Kiev li spingono costantemente ad alzare la posta".

L'insistenza sulla cosiddetta "formula di pace" del presidente ucraino Vladimir Zelensky agli incontri di Copenaghen e Gedda - a cui la Russia non è stata invitata - "difficilmente dimostra l'intenzione dell'Occidente di negoziare con la Russia", ha detto Lavrov. Mosca ha respinto la lista di dieci punti di Zelensky come un ultimatum inaccettabile e non legato alla realtà.

La Russia ha ripetutamente cercato di negoziare, dagli accordi di Minsk del 2014 e del 2015 al "drastico tentativo di trasmettere le nostre preoccupazioni alle capitali occidentali" nel dicembre 2021, ha osservato Lavrov. L'Occidente ha "respinto con arroganza" l'iniziativa di Mosca e ha invece aumentato le consegne di armi e munizioni a Kiev.

"Consideriamo gli ipocriti appelli degli occidentali ai colloqui come uno stratagemma tattico per guadagnare tempo, dando ancora una volta alle esauste truppe ucraine una tregua e l'opportunità di riorganizzarsi, e per inviare altre armi e munizioni", ha detto Lavrov, aggiungendo che "questa è la strada della guerra, non un processo di risoluzione pacifica".

Angela Merkel, ex cancelliere della Germania, ha ammesso lo scorso dicembre che la proposta franco-tedesca del 2015 a Minsk era "un tentativo di dare all'Ucraina il tempo" di costruire le proprie forze armate. Questo è stato poi confermato dall'ex presidente francese Francois Hollande. 

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti