Lavrov: "La tragedia del Cile è diventata la nostra tragedia, la storia del Cile una pagina della nostra storia"

Lavrov: "La tragedia del Cile è diventata la nostra tragedia, la storia del Cile una pagina della nostra storia"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha scritto un articolo per commemorare il 50° anniversario del colpo di Stato in Cile, che ha causato migliaia di vittime della repressione, della tortura e delle uccisioni di massa.

"Non ho paura di dirlo: la tragedia del Cile è diventata la nostra tragedia, la storia del Cile una pagina della nostra storia. Gli eventi di mezzo secolo fa hanno interrotto la tradizione democratica del Cile per diciassette anni, sono diventati uno spartiacque politico nella storia moderna del Paese e hanno insegnato al mondo intero una serie di lezioni importanti per le generazioni a venire", ha dichiarato il Ministro degli Esteri secondo quanto riporta l’emittente RT.

Per quanto riguarda il colpo di Stato in Cile, ha scritto: "Ha scosso anche il nostro Paese, dove [l'ex presidente cileno] Salvador Allende era molto conosciuto, avendo visitato Mosca molte volte, anche come presidente. L'Unione Sovietica si unì attivamente alla campagna internazionale di solidarietà con il popolo cileno e diede asilo a molti emigranti politici”.

Secondo Lavrov, il progetto della coalizione politica ed elettorale cilena Unidad Popular "aveva una chiara dimensione internazionale, volta a rompere con la dipendenza dall'estero e a rafforzare i principi nazionali e latinoamericani".

Il ministro russo ha affermato che, in questo contesto, i piani strategici dei leader cileni "rappresentavano poco meno di una minaccia esistenziale per gli Stati Uniti".

"Washington ripugnava e tuttora ripugna l'idea stessa che altri Paesi abbiano il diritto di scegliere il proprio modello di sviluppo politico e socio-economico", ha spiegato il capo della diplomazia russa.

Inoltre, ha sottolineato che anche prima che Allende entrasse in carica, "Washington aveva già messo in moto un piano per rimuoverlo dall'incarico, utilizzando un intero arsenale di ricatti e pressioni politiche".

Il ministro ha quindi sottolineato che per questi scopi gli Stati Uniti hanno utilizzato, tra l'altro, una guerra economica multiforme, pressione mediatica e pressione psicologica, la disinformazione della popolazione, la stimolazione della "fuga dei cervelli", la creazione e la sponsorizzazione di organizzazioni di estrema destra, le provocazioni e la violenza contro i sostenitori del nuovo governo.

Secondo Lavrov, questa serie di azioni distruttive è diventata "una sorta di modello che Washington e i suoi satelliti continuano a usare oggi contro i governi sovrani di tutto il mondo".

Il diplomatico russo, nel suo articolo, ha citato come esempi le "rivoluzioni colorate" in Jugoslavia, Georgia, Kirghizistan, "l'aperto sostegno di Washington al sanguinoso colpo di Stato a Kiev nel febbraio 2014", nonché i tentativi di ripetere lo scenario di una presa di potere con la forza in Bielorussia nel 2020.

Lavrov ha affermato che questa linea "neocoloniale" e "cinica" dell'Occidente collettivo è "sempre più rifiutata dalla maggioranza del mondo, francamente stanco di ricatti e pressioni".

In conclusione, il ministro degli Esteri russo ha espresso la speranza che le relazioni russo-cilene si sviluppino costantemente, "a prescindere dalle attuali tendenze che prendono piede nei singoli politici cileni".

"Le relazioni diplomatiche russo-cilene sono state ristabilite subito dopo la caduta del regime del generale Augusto Pinochet, nel marzo 1990, e da allora si sono sviluppate costantemente. Sono fiducioso che ciò continuerà ad accadere anche in futuro".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Il Rubicone della NATO di Giuseppe Masala Il Rubicone della NATO

Il Rubicone della NATO

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti