LEGAMBIENTE E IL REPORT IMBARAZZANTE SULLE RINNOVABILI

LEGAMBIENTE E IL REPORT IMBARAZZANTE SULLE RINNOVABILI

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Marco Corvo

 

Chi si ricorda di una associazione che difendeva l’ambiente dai soprusi dell’antropizzazione, dovrà di certo leggere questo report dell’associazione, dal titolo “Scacco alle Rinnovabili”, dove con dati alla mano, si fa per dire, Legambiente elenca 20 storie di boicottaggio delle fonti rinnovabili in Italia, tra lentezza burocratica e immancabili malpancismi popolari. 

Prima che esistessero i novax, i media nostrani si dilettavano a raccontare le malefatte di comitati e associazioni che si opponevano a grandi impianti, da nord a sud. 

Costoro erano simili ai novax, per estrazione sociale, per istruzione e per cocciutaggine. 

Gente da evitare, oscurantisti del XXI secolo che, in nome della tutela dell’ambiente, si ostinavano a bloccare il progresso. E giù con acronimi come NIMBY e NIMTO, sindromi che colpiscono gli abitanti delle zone dove andrebbero costruite discariche e inceneritori, cementifici o mega impianti di produzione di energia. 

Legambiente recupera questo armamentario molto anni novanta e lo riadatta a coloro che si oppongono a mega impianti “da fonte rinnovabile”. 

Ed ecco nel report comparire 20 “vergogne” italiche, tra cui anche quella di un comune siciliano, Pozzallo, dove un’azienda avicola che già ha uno stabilimento per incenerimento delle carcasse di ovini vari, vorrebbe costruire un mega impianto biogas, a poche centinaia di metri in linea d’aria dalle aree abitate. 

 

 

Come osano questi ignoranti bloccare gli obiettivi 2020, solo per le molestie odorigene, per qualche falda acquifera a rischio o perché i turisti non verrebbero in un’area industrializzata a passare le proprie vacanze? 

Ed ecco che l’associazione che tutela l’ambiente, si trasforma in uno strumento nelle mani delle grandi imprese, che guadagnano anche dagli incentivi statali e che poco hanno a cuore le sorti dell’ambiente e degli abitanti dei luoghi dove realizzano i propri impianti. 

Infatti, le 20 storie di legambiente, hanno tutte un minimo comun denominatore: i mega impianti di produzione di energia, il cui impatto, a prescindere dalla fonte primaria utilizzata, è devastante per il territorio e per i suoi abitanti. 

Forse i legambientini  sono convinti di vivere negli Usa, dove enormi distese di terra brulla sono pronte a ospitare qualsiasi megalomania umana, non Italia, dove storia e cultura sono sparsi ovunque e dove i cittadini, le imprese, i lavoratori vivono e guadagnano dall’equilibrio tra uomo e ambiente. 

Troppe volte questo equilibrio è stato stravolto nel nostro paese e dispiace vedere chi si fa portatore dei temi ambientalisti, sostenere soluzioni ormai vetuste, come quelle dei mega impianti di produzione di energia. 

Non sarà certo la foglia di fico delle fonti rinnovabili a far dimenticare che dietro gli impianti centralizzati ci sono enormi interessi, anche nel controllo dell’energia e dei suoi prezzi. 

Il futuro è certo rinnovabile, ma per un equilibrio ambientale, economico e sociale si deve necessariamente guardare alla generazione distribuita, ovvero a micro impianti distribuiti sul territorio, sui tetti delle case, non su enormi distese di terreno, o peggio in luoghi importanti dal punto di vista sociale, storico e culturale.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti