L'Egitto ha acquistato i caccia Su-35 dopo i Rafale per poter contrastare F-16 e F-35 di USA e Israele

L'Egitto ha acquistato i caccia Su-35 dopo i Rafale per poter contrastare F-16 e F-35 di USA e Israele

Gli Stati Uniti minacciano sanzioni contro Il Cairo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Perché l’Egitto nonostante le minacce USA di sanzioni ha deciso di dotarsi dei caccia russi Su-35 dopo che aveva già acquisito i Rafale francesi?

 

La risposta è, come afferma RT, che “questi caccia pesanti e a lungo raggio darebbero la superiorità all'esercito egiziano nel cielo regionale, motivo per cui gli Stati Uniti si sono opposti con forza”. 

 

Come riportato in precedenza da EurAsian Times, nonostante venissero decantati come possessori di capacità impressionanti, i jet Rafale di produzione francese non hanno visto molti acquirenti. L'Egitto è stato il primo contratto d'oltremare per i caccia Rafale, 14 anni dopo l'entrata in servizio in Francia.

 

Oltre alla Francia e all'Egitto, solo l'India e il Qatar utilizzano jet Rafale e anche questo in numero molto limitato. La quota di tangenza del Rafale è inferiore ai J-16 e anche in spinta del motore, i J-16 cinesi e i Su-35 russi sono di gran lunga superiori agli aerei da combattimento francesi.

 

L'anno scorso, l'Egitto aveva siglato un accordo del valore di 2 miliardi di dollari per l'acquisto di 24 caccia Su-35 di fabbricazione russa. Dopo aver ricevuto 24 jet Rafale, l'Egitto ha ora ricevuto il Sukhoi Su-35 russo, il primo per l'Egitto.

 

I caccia Sukhoi Su-35 sono in grado di raggiungere una velocità di 2.800 chilometri all'ora su un'altitudine di 11 chilometri, con un'autonomia di 4.500 chilometri. Con i serbatoi di carburante esterni aggiunti, consentirà ai combattenti di percorrere distanze ancora maggiori senza dover fare rifornimento.

 

Le loro capacità di rifornimento in volo li rendono competitivi con i caccia F-35 statunitensi. Il caccia è percepito come la variante definitiva del grande combattente russo a volte indicato come "Super Flanker". Il Sukhoi Su-35 è dotato di motori thrust-vectoring e di una nuovissima suite di missioni, tra cui un radar Tikhomirov NIIP N135 Irbis Passive Electronically Scanned Array (PESA) e una cabina di pilotaggio "di vetro".

 

Il maggiore generale Nasr Salem, ex capo del dipartimento di ricognizione dell'esercito egiziano e professore di studi strategici presso l'Accademia militare superiore di Nasser, ha affermato che l'acquisizione egiziana dei caccia Su-35, insieme ai MiG-29M, ai caccia Rafale e agli F-16 Falcons, garantirà il controllo aereo per tutelare gli interessi egiziani.

 

Tuttavia, la minaccia statunitense di sanzioni ora incombe sull'Egitto. Washington si è opposta a questo accordo lo scorso anno quando il Segretario di Stato Mike Pompeo e il Segretario alla Difesa Mark Esper hanno esortato il ministro della Difesa egiziano ad annullare l'accordo. Hanno avvertito delle sanzioni ai sensi della disposizione statunitense CAATSA (Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act).

 

Gli esperti ritengono che l'acquisto dell'Egitto possa essere finalizzato a diversificare la sua offerta. L'Egitto è stato a lungo dipendente dagli Stati Uniti per il suo equipaggiamento militare. 

 

L’obiettivo egiziano è quello di acquisire equipaggiamento militare pari a quello posseduto da Israele, per questo Nasr Salem chiede: “Perché gli Stati Uniti non forniscono all'Egitto i caccia F-35 che hanno fornito a Israele dal momento che si oppongono all'accordo sui caccia russi Su-35?”. 

 

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti