Lettera aperta al presidente Biden sui vaccini Covid per Cuba

Lettera aperta al presidente Biden sui vaccini Covid per Cuba

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

A tutte le persone coscienziose, inclusi scienziati, medici, operatori sanitari, accademici e qualsiasi donna o uomo onesto di Cuba e del mondo, vi invitiamo a sostenere i concetti e i principi espressi in questa lettera.

Petizione in italiano

Presidente Biden:

Di recente ha fatto riferimento a Cuba alla Casa Bianca dicendo: "Sarei pronto a fornire quantità significative di vaccini se... un'organizzazione internazionale somministrasse quei vaccini e lo facesse in modo che i cittadini medi abbiano accesso a quei vaccini". Ha inoltre definito Cuba uno "Stato fallito".

Queste dichiarazioni hanno sorpreso molti, compresi quelli negli Stati Uniti che hanno avuto un contatto diretto col sistema sanitario di Cuba. Ha anche diffamato gli operatori sanitari cubani in prima linea che hanno rischiato la vita per contenere l'epidemia di COVID nel nostro paese. Non riflettono la realtà cubana e deploriamo che la disinformazione da parte di attori malintenzionati stia influenzando le sue decisioni politiche. Come scienziati, medici e cittadini preoccupati, riteniamo che valga la pena verificare i tre presupposti impliciti in ciò che ha affermato.

Presupposto uno: è necessario un intervento internazionale per garantire che tutti i cubani ricevano i vaccini.

Presupposto due: la risposta di Cuba alla pandemia è stata fallimentare, sintomatica di uno “Stato fallito”.

Presupposto tre: i vaccini forniti dagli Stati Uniti sono l'unica via per garantire l'immunizzazione COVID-19 per gli 11 milioni di cittadini di Cuba.

Passiamoli in rassegna uno per uno: il primo presupposto – che è necessario un intervento per garantire l'accesso al vaccino per tutti i cubani – suggerisce che il lancio dei vaccini a Cuba sia inefficiente e discriminatorio. Ma i dati non supportano questa tesi. Infatti, come hanno confermato sia l'UNICEF che l'Organizzazione Mondiale della Sanità, i tassi di vaccinazione infantile sono superiori al 99%. L'immunizzazione fa parte del sistema sanitario pubblico universale del nostro paese, gratuito per tutti i cubani indipendentemente dallo stato socioeconomico, politico, religioso, dal sesso o dalla razza.

Il programma nazionale di immunizzazione, creato nel 1962, copre l'intero paese. Dal 1999, tutti i cubani sono stati protetti da 13 malattie potenzialmente mortali, tra cui difterite, tetano e pertosse. Otto di questi vaccini sono prodotti a Cuba.

A causa degli alti tassi di vaccinazione, non abbiamo avuto un solo caso di morbillo. Al contrario, il CDC ha confermato 1282 casi di morbillo negli Stati Uniti nel 2019, con solo il 74% dei bambini che hanno ricevuto tutti i vaccini raccomandati dai CDC.

Il Finlay Vaccine Institute dell'Avana ha sviluppato il primo vaccino efficace al mondo contro/per la meningite B (malattia meningococcica) nel 1989. L'incidenza annuale della malattia meningococcica a Cuba è scesa da 14,4/100.000 abitanti prima della vaccinazione a meno di 0,1/100.000 dal 2008 - eliminando la malattia come problema di salute pubblica nel Paese.

Diversi fattori spiegano il successo del programma nazionale di vaccinazione di Cuba: le persone si fidano dei medici di famiglia e degli infermieri di quartiere facilmente accessibili e degli operatori sanitari dei loro policlinici comunitari, rendendo molto rara l'esitazione al vaccino. A loro volta, le capacità organizzative del sistema sanitario rendono la vaccinazione veloce e affidabile. Infine, i centri di ricerca e produzione biotecnologica cubani sono ben integrati con le esigenze del sistema sanitario pubblico.

Sono stati sviluppati partenariati di lavoro sulla vaccinazione con l'Organizzazione mondiale della sanità e l'UNICEF. Ma nessuno di questi ha mai suggerito la necessità di intervenire per somministrare i vaccini a Cuba. Piuttosto, gli esperti cubani di vaccini sono stati chiamati ad assistere negli sforzi globali per eliminare la poliomielite e i nostri impianti di produzione sono stati sfruttati dall'OMS per esportare i vaccini urgenti nella "cintura della meningite" nell'Africa subsahariana.

Presupposto due: la risposta pandemica "fallimentare” di Cuba. È sconcertante perché, con così tante vere catastrofi COVID nell'emisfero occidentale, solo Cuba sia etichettata come uno “Stato fallito". Cuba ha infatti visto un recente picco di casi che minaccia di sopraffare il sistema sanitario in alcune parti del paese. Tuttavia, la sua risposta è stata più efficace di molte altre nazioni che non hanno ricevuto queste dure critiche dagli Stati Uniti.

Tutti i paesi sono ora messi alla prova con nuove varianti di COVID, come la Delta, che spesso causano forti aumenti dei casi. Cuba non fa eccezione. Ciò che rende Cuba unica è la necessità di gestire l'epidemia sotto un paralizzante embargo finanziario, commerciale ed economico imposto dal governo degli Stati Uniti negli ultimi sei decenni. Le 243 restrizioni aggiuntive imposte dall'amministrazione Trump - tutte ancora in vigore sotto la sua presidenza - avevano lo scopo di chiudere le poche scappatoie rimanenti del blocco e quindi soffocare le entrate a Cuba. Ciò riduce il denaro disponibile per acquistare forniture mediche e cibo e ritardi nell'arrivo dei materiali nel Paese.

Presupposto tre: l'unica via per l'immunità COVID a Cuba è attraverso i vaccini forniti dagli Stati Uniti. Ciò ignora il fatto che più di due milioni di cubani, o quasi il 30,2 % della popolazione, sono già stati completamente vaccinati con vaccini sviluppati da Cuba.

Il vaccino Abdala ha ricevuto l'autorizzazione all'uso di emergenza dall'autorità di regolamentazione cubana il 9 luglio, diventando così il primo vaccino a raggiungere questo status in America Latina. Abdala ha raggiunto un'efficacia del 92% negli studi clinici di fase III, mentre il vaccino Soberana ha raggiunto il 91% ed è anche vicino all'autorizzazione all'uso di emergenza. Al tasso attuale di vaccinazione, l'intera popolazione potrebbe essere raggiunta entro ottobre o novembre. Le difficoltà nell'implementazione, comprese le importazioni di componenti vitali per i vaccini, sono dovute principalmente alla stretta finanziaria delle sanzioni statunitensi.

Se il governo degli Stati Uniti volesse davvero aiutare i cubani, potrebbe annullare le 243 misure dell'era Trump, possibile con un tratto di penna del presidente. Il Congresso potrebbe anche revocare del tutto le sanzioni, come richiesto ogni anno dai voti schiaccianti all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite dalle nazioni del mondo intero.

Durante la pandemia, la scienza ribadisce che (politica a parte) ci siamo dentro tutti insieme. Tutti noi siamo minacciati non solo dalle malattie, ma anche dalla sfida senza precedenti del cambiamento climatico. In questo contesto, i sistemi sanitari di tutti i paesi dovrebbero essere sostenuti, non compromessi; e la collaborazione dovrebbe essere all'ordine del giorno. A maggior ragione, considerando l'allarmante carenza di vaccini in tutto il mondo, particolarmente pericolosi per i paesi a medio e basso reddito. Alcuni di loro hanno già mostrato interesse nell'acquisire i vaccini cubani, e diremmo che un tale contributo cubano all'equità dei vaccini dovrebbe essere applaudito dall'amministrazione Biden, non soffocato. Il Cuban Democracy Act del 1992 (Parte II.6) vieta esplicitamente le esportazioni a Cuba dagli Stati Uniti nei casi in cui: “L’articolo da esportare potrebbe essere utilizzato nella produzione di qualsiasi prodotto biotecnologico", inclusi i vaccini.

Abbiamo avuto un assaggio di come entrambi i paesi avrebbero potuto agire insieme durante l'epidemia di virus Ebola dell'Africa occidentale (2013-2016), quando entrambi i paesi si sono sforzati di contenere le malattie e salvare vite umane. Ovviamente, i governi degli Stati Uniti e di Cuba differiscono su questioni fondamentali. Eppure il mondo è pieno di tali discrepanze. La domanda essenziale, non solo per Cuba e gli Stati Uniti, ma anche per la civiltà umana, è se le nazioni possono rispettarsi a vicenda abbastanza da esistere fianco a fianco e cooperare.

Presidente Biden, può fare molto bene se si muove nella giusta direzione e prende in considerazione ciò che la maggior parte dei cubani che vivono a Cuba desidera. Ciò non include aggirare e indebolire il suo sistema sanitario pubblico, ma include il rispetto per i risultati della nazione. Speriamo che le minacce condivise poste dalla pandemia di Covid portino a più collaborazione, non più confronto. La storia sarà il giudice.

Firmato da scienziati, medici e cittadini preoccupati di Cuba e del mondo.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO