L'ingerenza statunitense in Siria

L'ingerenza statunitense in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Segue l'analisi di Pedro García Hernández inviato in Siria di Prensa Latina
 
Le armi, le munizioni, le attrezzature di comunicazione e supporto logistico prodotte negli Stati Uniti per la difesa reciproca o dell'Arabia Saudita sono state trovate dall'esercito siriano nelle province di Idlib e Aleppo.
 
Almeno due magazzini sotterranei dei gruppi terroristici nelle aree di quelle province contengono vari tipi di armamenti, come mostrano le immagini delle agenzie di stampa Abkhazia Anna e della agenzia di stampa nazionale SANA.

 
 
La grafica a questo proposito, divulgata anche dal sito Web e dai social network di Al Masdar, non ha alcuna eco in nessun media occidentale o alleato degli Stati Uniti in Medio Oriente, proprio quando il legittimo governo di Damasco ha recuperato di più 1.500 chilometri quadrati di queste regioni.
Allo stesso modo, non riflettono anche che i sistemi antiaerei di tipo Manpaq, usati dagli estremisti per abbattere di recente due elicotteri siriani, sono stati forniti dalla Turchia agli estremisti.
 
Elementi del Consiglio per la liberazione del levante, una volta il Fronte ad Al Nusra, il partito turkmeno, con la maggioranza dell'etnia cinese uigura e il cosiddetto esercito nazionale di liberazione, costituito da resti dell'ex esercito libero siriano, sono i destinatari di tali apparecchiature.
 
Gli eventi, segnalati ufficialmente da Damasco e Mosca e mostrati nelle immagini, mostrano magazzini pieni di missili, proiettili di mortaio, armi e munizioni di ogni tipo, nonché apparecchiature di comunicazione e protezione.
Allo stesso tempo, la disinformazione dei media ignora il continuo ingresso dai confini turchi e iracheni di contingenti militari provenienti da Turchia e Stati Uniti, prove del prolungamento della guerra imposta a questa nazione del Levante e in linea con le notizie rilasciate. 
 
I successi dell'esercito siriano nel campo del combattimento consentono fino ad oggi, la liberazione di aree vicino ad Aleppo e da dove i terroristi hanno bombardato i quartieri di quella città, oltre a oltre cinquanta villaggi, città e paesi della vicina Idleb , ultimo bastione di organizzazioni estremiste.
 
 
D'altro canto, i gruppi terroristici indicati non rispettano la tregua consolidata e la possibilità di utilizzare i quattro corridoi umanitari che sono stati aperti in queste aree più di un mese fa in collaborazione con la polizia militare russa.
 
Fino ad oggi, poco più di un centinaio di abitanti di quelle regioni sono riusciti a utilizzare queste rotte per lasciare la zona di conflitto, a rischio della propria vita perché i gruppi terroristici usano i cecchini per impedirlo e reprimere coloro che cercano di farlo.
 
Solo poche ore fa, è stato appreso che l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha chiesto al governo siriano e ai suoi alleati di autorizzare corridoi umanitari sicuri in vista del passaggio di civili in zone di conflitto nel nord-ovest del paese, qualcosa che per Siria e Russia manca di imparzialità e non tiene conto della realtà dei fatti.
 
I canali di feedback comunicativo, almeno dai centri di potere occidentali e da alcune regioni, non esistono e funzionano in base alle pressioni di una delle parti e con una preponderanza dell'elevato volume mediatico di Washington, Londra o Parigi, capitali di tre membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, denunciati tempestivamente da Russia e Cina.
 
L'interferenza e la mancanza di senso degli Stati Uniti nel cercare una via d'uscita dalla crisi, tuttavia, riflettono che si tratta di frenare il diritto della Siria di difendere il proprio territorio, provocando un'escalation di violenza e esacerbando la situazione della popolazione sotto pretese umanitarie.
 
La Siria in particolare insiste nel denunciare che i civili siano effettivamente utilizzati come scudi umani dai gruppi terroristici al fine di preservare la loro esistenza e ostacolare qualsiasi tipo di negoziazione.
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti