/ L'Iran ricorda l'interferenza della CIA nell'anniversario del col...

L'Iran ricorda l'interferenza della CIA nell'anniversario del colpo di stato del 1953 contro Mossadeq

 

Zarif ricorda l'anniversario del colpo di stato del 1953 causato dalla CIA in Iran e invita gli Stati Uniti riconoscere il potere della Repubblica islamica.


Attraverso il suo account Twitter, Zarif ha ricordato, oggi, il 66° anniversario del colpo di stato, costruito ed eseguito da Washington e Londra, contro il premier iraniano Mohamad Mosadeq (1951-1953).
 


 
“66 anni fa, un colpo di stato istigato dagli Stati Uniti e dal Regno Unito ha rovesciato il governo iraniano, eletto democraticamente. Questa atrocità è seguita con anni di "massima pressione" sugli iraniani ", ha twittato.
 
In questo contesto, il massimo diplomatico persiano ha sottolineato che la rivoluzione islamica ha posto fine a questo intervento in Iran. "La nostra gente ha posto fine a tale interferenza nel 1979. È tempo che alcuni affrontino questa realtà", ha scritto.
 
Mosadeq fu rovesciato il 19 agosto 1953 per mezzo del colpo di stato, identificato negli archivi della CIA come "Operazione Ajax" , che consisteva in un piano comune del Regno Unito e degli Stati Uniti di rovesciare il premier iraniano per aver nazionalizzato l'industria petrolifera.
 
Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, nel 2017, declassificò i documenti di archivio, che confermarono il coinvolgimento degli Stati Uniti nel colpo di stato militare in Iran, che riportò al potere l'ultimo monarca persiano, Mohamad Reza Pahlavi, al potere.
Nel 2013, la CIA ha riconosciuto ufficialmente il proprio coinvolgimento in questo colpo di stato.
 
A sua volta, il primo vice presidente dell'Iran, Eshaq Yahangiri, ha ricordato questo giorno e ha considerato quello che è successo 66 anni fa come "uno dei giorni più amari della storia" del paese persiano.
 
“Oggi è l'anniversario di uno dei giorni più amari della storia contemporanea dell'Iran. Giorno in cui il colpo di stato americano-britannico rovesciò il governo nazionale e legittimo del defunto dottor Mohamad Mosadeq. Giorno in cui si bloccò il processo di democrazia, libertà, sovranità del popolo e indipendenza del Paese”, ha aggiunto.
 
Allo stesso modo, Yahanguiri ha scritto che dopo questo colpo di stato "una dittatura monarchica" prese le redini dell'Iran e la dipendenza fu avvertita in tutti gli aspetti del paese.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa